SAN BENEDETTO DEL TRONTO  – Di ieri la notizia che il Sindaco Piunti incontrerà, mercoledì mattina in Comune, 64 rappresentanti di bar e locali di San Benedetto per parlare della questione “movida”, i cui effetti, talvolta molesti, si sono scontrati negli anni con il diritto al “quieto vivere” , mettiamola così, dei residenti, specie di quelli che abitano in centro.

E alla notizia dell’incontro, proprio il presidente del quartiere Marina Centro Giovanni Filippini decide di scrivere una lettera aperta a Pasqualino Piunti. Uno degli aspetti principali della riunione con i bar sarà il numero dei partecipanti. Sono stati infatti invitati 64 locali della Riviera, di fatto allargando la portata del meeting a tutta la città e non solo al centro, da sempre associato, quasi in solitaria, alla “movida molesta”.

Filippini, scrivendo al primo cittadino, si augura che l’incontro non diventi scontro fra locali e cittadini ma “motivo di convivenza civile dove si debbono rispettare i diritti di entrambi” chiosa il presidente, che poi continua a battere sul concetto di convivenza sottolineando come tale proposito non sia  “assolutamente avvenuto fino ad oggi e sono dieci anni che subiamo questo stato di totale anarchia da parte di alcuni gestori di locali”. Sottolinea letteralmente “alcuni” il rappresentante dei cittadini visto che, qualche riga dopo,  imputa sempre ad alcuni gestori “il fallimento del tentativo di fissare alle due l’orario di chiusura dei bar”, avvenuto sotto la gestione di Giovanni Gaspari.

E allora Filippini decide di “consigliare” in qualche modo Piunti in vista della riunione. Le dichiarazioni riportate da Riviera Oggi (CLICCA QUI) sull’incontro, rilasciate dallo stesso Piunti, si soffermavano sulla necessità di “rispetto delle regole” concetto che il primo cittadino ha più volte ribadito. Quali regole Piunti ribadirà ai baristi non lo sappiamo, se le vecchie o le nuove, che il decreto sicurezza recentemente approvato conferisce in capo ai sindaci. Probabilmente entrambe.

Sul punto però Filippini sembra piuttosto chiaro, augurandosi che il motivo dell’incontro sia quello di fissare le regole con cui Piunti “desidera risolvere il problema” e in tal senso il presidente non manca di sottolineare le facoltà che il decreto legge 14 del 2017 “regala” ai sindaci tra cui la possibilità di “intervenire sugli orari di vendita e sulla somministrazione di alcolici” assieme alla possibilità di limitare pesantemente in casi particolari (e al massimo per 60 giorni n.d.r.) la stessa vendita.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 573 volte, 1 oggi)