SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Il nuovo assetto degli uffici e dei settori di Viale De Gasperi è realtà da poco più di un mese. E il Pd non ha mancato di esprimere la sua opinione critica sin dall’alba dei provvedimenti con cui Piunti ha rivoluzionato il Comune (Perazzoli, all’epoca ancora fra i democratici parlò di Spoils  System CLICCA QUI).

A tornare alla carica adesso ci pensa Tonino Capriotti che dice: “Quando leggo che l’amministrazione ha effettuato “…la modifica della struttura organizzativa, dando mandato ai dirigenti di dare esecuzione alle fasi di riorganizzazione…”, rimango basito” chiosa il democratico che sostiene come non sia “compito della politica effettuare trasferimenti del personale, né tanto meno di dare mandati che istituzionalmente spettano ai dirigenti” tuona Capriotti che si chiede “su che base vengono effettuati questi spostamenti da parte dell’amministrazione?”.

A sostegno dei suoi appunti il Consigliere cita il decreto “Brunetta” del 2009 (Degreto Legislativo 150 del 2009) che impone “chiarezza, misurabilità e verificabilità degli obiettivi amministrativi” che per Capriotti “mancano e l’amministrazione cerca di individuarli strada facendo, quello che intendiamo quando diciamo che navigano a vista” chiosa il politico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 191 volte, 1 oggi)