GROTTAMMARE – Brutto episodio di criminalità. Nel pomeriggio del 2 marzo i carabinieri del Norm di San Benedetto hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un algerino (con vari precedenti penali) residente a Grottammare. L’uomo è accusato di tentata violenza sessuale e furto.

Il 5 febbraio l’algerino ha incontrato in una discoteca di Martinsicuro due ragazze (una rumena e una moldava) residenti a Grottammare e arrivate in Abruzzo in taxi. L’uomo si è offerto di riaccompagnarle a casa.

All’arrivo, però, l’algerino ha preso di forza la moldava portandola in casa e tentando di violentarla a letto. La donna si è opposta. L’amica nel frattempo ha allertato i carabinieri.

I militari sono giunti sul luogo e hanno trovato l’algerino e la moldava in macchina. L’uomo ha tentato una breve fuga ma è stato subito fermato, in seguito si è buttato addosso alla ragazza sostenendo di essere il suo compagno e che l’avrebbe sposata. La moldava era in lacrime e visibilmente spaventata.

I carabinieri non hanno creduto a nulla di ciò e hanno anche constatato che l’uomo aveva rubato il portafogli alla donna, ritrovato in casa vuoto. Da qui la denuncia per furto oltre che per tentata violenza sessuale.

Il 2 marzo è arrivato dal Gip di Fermo il provvedimento restrittivo in carcere. L’uomo è stato condotto nel carcere di Marino del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.879 volte, 1 oggi)