SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Riserva Naturale Sentina, in quanto principale zona umida costiera tra il delta del Po e le lagune Garganiche, è un luogo speciale per l’avifauna stanziale e migratoria. Nel corso degli anni sono state censite oltre 190 specie di uccelli che qui si nutrono, si riproducono o semplicemente si riposano durante le lunghe migrazioni stagionali.

Una delle principali finalità della Riserva è quella di monitorare e proteggere questo immenso patrimonio; proprio per questo il Comitato di Indirizzo ha deciso di avviare una nuova campagna di monitoraggio dell’avifauna. Le attività scientifiche, iniziate da alcuni giorni, sono curate dalla LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) con il supporto di ornitologi, appassionati e volontari.

Questa volta la campagna di monitoraggio si baserà su un nuovo protocollo sperimentale che prevede attività ripetute ogni 10 – 15 giorni, per ben 3 anni. In questo lasso di tempo la Riserva, attraverso il suo Centro di Educazione Ambientale, organizzerà eventi di sensibilizzazione ed educazione ambientale per adulti e scolaresche al fianco dei ricercatori per avvicinare i cittadini al fantastico mondo dell’avifauna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 88 volte, 1 oggi)