Video di Pier Paolo Flammini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Leggi le dichiarazioni dei protagonisti di Samb-Venezia in presa diretta. I padroni di casa cedono per 3 a 1 ai lagunari allenati da Pippo Inzaghi ed escono fra i fischi del pubblico, imbufalito per la terza sconfitta consecutiva.

Franco Fedeli: “Dove sta scritto che dobbiamo perdere col Venezia? Le partite di calcio si giocano in 11 contro 11, facciamo regali da molto tempo agli avversari, forse ci sono dei giocatori che continuano a stare in campo e non dovrebbero esserci. Oggi Sanderra ha messo la difesa a 5 non ha funzionato mi dispiace. Io critico poco Sanderra rispetto a Palladini? E’ una vostra impressione, non è così. Vi ricordo che Palladini si è dimesso e adesso vi dico come la penso, Palladini era troppo legato a Sandro Federico che qui ha fatto più danni della grandine.” Sulla direzione di gara: “Inzaghi comandava passo passo il guardalinee, è una cosa che non fa bene al calcio. Non è possibile che un allenatore, solo perché ha un grande nome, possa condizionare l’arbitraggio. ”

Stefano Sanderra: “Rispetto alla gara col Parma la difesa a 5 ha dato buoni frutti in termini di contenimento degli avversari nel primo tempo. Purtroppo nella ripresa abbiamo preso subito gol e poi ci abbiamo messo del nostro prendendo un contropiede ingenuo. Fino al gol la squadra non mi era dispiaciuta, ha lottato e ha fatto bene secondo me. Uno dei nostri limiti è che andiamo nel pallone ogni volta che subiamo qualcosa di negativo, anche oggi è successo. Ho sostituito Sabatino perché credevo che Bacinovic ci potesse dare ancora il passaggio decisivo.”

Davide Facchin: “Il parapiglia finale è stato tutto un malinteso, io volevo applaudre per fare i complimenti a una curva che ritengo non solo la migliore del girone per calore ma anche la migliore di tutta la Lega Pro. Credo che sia stata la Samb a prenderla un po’ male per come era andata la partita. La Samb nei primi 45 minuto ha pressato tanto e coperto molto gli spazi, era chiaro che nel secondo tempo sarebbero calati. Abbiamo fatto il primo gol, poi un contropiede micidiale ci ha messo la partita in discesa.”

Alessandro Malomo: “Non so che è successo con Facchin alla fine, un’incomprensione, io sono andato lì per sedare la situazione ma non è successo niente di che. Alla fine io e Pegorin abbiamo preso il rosso perch l’arbitro probabilmente doveva punirne due, uno per squadra. Abbiamo fatto una partita intelligente, abbiamo avuto pazienza per quasi un’ora poi i due gol nel giro di pochi minuti ci hanno reso le cose più facili.”

Vincenzo Aridità: “C’è poco da dire, dobbiamo rimetterci a lavorare in vista della trasferta di Bolzano, siamo stati ingenui in alcuni episodi. Capisco la curva che ci ha fischiati, che devono fare applaudirci? L’unica cosa che possiamo fare è lavorare e chiedere scusa. Il terzo gol? C’è stata una incomprensione fra Mattia e Pezzotti, c’è poco da dire, può capitare e certe cose si evitano solo lavorando assieme”.

Alexandre Geijo: “Non c’era molto spazio nel primo tempo, quando poi le squadre si aprono le cose cambiano e per noi è più facile giocare contro difese aperte. Noi all’inizio erano più aggressivi e chiusi, ma quando fai 45 minuti così è normale calare nella ripresa”.

Davide Marsura: “Siamo stati bravi a cogliere i momenti positivi per noi della partita. Mancuso? Io guardo a me e alla mia crescita personale ma apprezzo molto Mancuso, che è davvero un ottimo giocatore, lo seguo.

Stefano Moreo: “Abbiamo dato tutto contro una buonissima squadra, il risultato parla chiaro. Anche nel primo tempo c’erano delle occasioni per andare in vantaggio, siamo stati forse poco lucidi, ma può capitare. Fa piacere che tutti e tre noi attaccanti abbiamo segnato alla fine, va ringraziato peràò anche Ferrari per l’assist sul terzo gol. Pensiamo solo a noi stessi e non al Parma, pensiamo solo alle nostre partite, agli altri ci pensiamo dopo.”

Filippo Inzaghi: “E’ stata una grande partita, sono contento per i ragazzi, stiamo facendo un bel calcio, è piacevole guardarci. La squadra è in un periodo buono, dietro di noi però continuano a vincere. Questo campo è ostico per tutti e sono felice di aver vinto. Sapevo però che avremmo sbloccato la gara, perché anche nel primo tempo abbiamo avuto buone occasioni. Meritiamo il primo posto anche se il Parma e la Reggiana. Questo pubblico e questo stadio meritano ben altri palcoscenici. Il Riviera poi mi porta bene mi porta bene e anche la Samb, qui ho segnato contro il Bayern con la maglia della Juve in amichevole e alla Samb segnai con la maglia del Leffe, nonostante all’andata in quell’anno (1992-93 n.d.r.) non giocai al Riviera. La Samb ci ha messo molto più in difficoltà a Venezia all’andata, non so se per merito loro ma io sono sicuro che il Venezia sia cresciuto nel frattempo”. Le critiche di Fedeli che dice che ha condizionato il guardalinee: “Vorrei parlare di calcio, questo conta, non il resto.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.767 volte, 1 oggi)