LEGGI QUI L’INTERROGAZIONE INTEGRALE SANGUIGNI Interrogazione sulla gestione del parco Cerboni

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il consigliere comunale di “Ripartiamo da Zero“, Andrea Sanguigni, ha presentato una interrogazione a risposta orale riguardante le intenzioni sulla gestione del “Parco Cerboni”: “Alla luce delle due richieste, una protocollata nel mese di dicembre scorso e l’altra inviata tramite posta elettronica certificata, riguardanti la possibilità di poter assegnare provvisoriamente, con la collaborazione di alcuni residenti del quartiere Sant’Antonio, uno spazio presso il Parco Cerboni al Gruppo Scout Agesci “Don Antonio Fazzini” San Benedetto del Tronto, chiedo di sapere quali intenzioni abbia l’Amministrazione in merito a tale proposta, in quanto a distanza di un mese non mi risulta si sia ancora espressa”

“A questo proposito, faccio presente che tra i motivi per cui è stata richiesto dal gruppo scout di poter disporre di uno spazio all’interno del Parco Cerboni per poter posizionare, seppure provvisoriamente, una tensostruttura di piccole dimensioni (circa 70 metri quadri) che funga da loro sede, vi è  principalmente quello che il parco in questione, data la sua conformazione, si presta naturalmente alle attività che il gruppo vi andrebbe a svolgere. Inoltre, la presenza degli scout risulterebbe senz’altro utile alla stessa Amministrazione Comunale, che beneficerebbe, date le attività del gruppo Agesci,  di una cura e di una pulizia gratuite di zone attualmente a suo carico economicamente” continua Sanguigni.

“Mi preme sottolineare, in aggiunta a quanto esposto, che momentaneamente, a causa delle conseguenze del terremoto, il gruppo scout in questione è senza sede fissa,  e quindi, per questo motivo, necessiterebbe di una risposta da parte dell’Amministrazione nel più breve tempo possibile – scrive il consigliere comunale – In conclusione, a mio avviso, la presenza di un gruppo scout nel Parco Cerboni potrebbe risultare particolarmente utile per i cittadini che usufruiscono di questa area verde anche perché questo  presidio educativo dell’Agesci con le sue attività si andrebbe a integrare naturalmente, e quindi a collaborare in maniera proficua con la comunità, con le altre realtà del quartiere già impegnate volontariamente nella valorizzazione del Parco Cerboni, come la Parrocchia Sant’Antonio e l’Associazione Rialto Croce, rispettando e promuovendo, nel contempo, le finalità pubbliche che, come da regolamento del verde comunale, contraddistinguono l’area verde in oggetto”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.284 volte, 1 oggi)