MONTEPRANDONE – Continua ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata a Monteprandone, che nel corso del 2016 dovrebbe superare per la prima volta la quota di 7 mila tonnellate, sulla base delle previsioni più aggiornate. Si potrebbe così raggiungere la quota del 72% di rifiuto differenziato: un buon dato anche se in linea con quanto avvenuto dal 2012 in poi, quando, dopo il notevole incremento rispetto agli anni precedenti, la differenziazione si è attestata tra il 70 e 71%.

Va detto che per il 2017 la Picenambiente ipotizza di raggiungere una quota di raccolta differenziata dell’80%, con l’incremento maggiore da ricercare nella raccolta di plastica e vetro e di umido. L’aumento della differenziata e la prevista riduzione della riduzione dei rifiuti dovrebbe comportare una diminuzione del 34% dei rifiuti conferiti in discarica.

La Picenambiente ha comunicato al Comune di Monteprandone che per aumentare la percentuale di raccolta differenziata lo strumento più idoneo è la “tariffa puntuale“, ovvero legare il pagamento delle tariffe sui rifiuti all’ammontare esatto della quota non recuperata, al fine di incrementare la propensione individuale alla differenziazione.

Nelle due foto allegate all’articolo, i dati sui rifiuti a Monteprandone.

Qui in Pdf la Relazione Tecnica sui criteri di redazione del Piano Finanziario relativo al costo del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati Raccolta differenziata Monteprandone

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 283 volte, 1 oggi)