GIULIANOVA – Blitz delle Forze dell’Ordine il 2 gennaio. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Teramo hanno arrestato, in flagranza di reato, due albanesi ed un italiano trovati in possesso di 8,5 chili di marijuana.

A quanto riportato da una nota diramata dall’agenzia di stampa Agi, erano un paio di giorni che i carabinieri avevano notato la presenza di due albanesi in compagnia dell’italiano che giravano per Giulianova. Uno dei due albanesi tempo addietro era gia’ stato arrestato dai militari perche’ trovato in possesso di eroina in provincia di Ascoli Piceno.

I carabinieri hanno cosi’ deciso di procedere ad un servizio di osservazione per comprendere se lo straniero fosse ancora dedito all’illecita attivita’ e dove potesse detenere, eventualmente, lo stupefacente.

Nella serata del 2 gennaio un 32enne aquilano e due 44enni albanesi si sono fermati in una via a ridosso della Statale 16 di Giulianova. I Carabinieri del Nucleo Investigativo li hanno seguiti fino a quando non hanno aperto la porta di casa e sono entrati con loro per evitare che potessero disfarsi dello stupefacente in loro possesso.

Effettuata la perquisizione di quell’abitazione, dietro una porta della camera da letto, nascosti in un imballo per televisore, sono stati rinvenuti otto involucri del peso lordo di 8,5 chili nonche’ due repliche di pistole semiautomatiche, di cui una priva del tappo rosso, ed il relativo munizionamento. Considerato il consistente quantitativo di sostanza stupefacente i tre sono stati arrestati e condotti presso la Casa Circondariale di Teramo.

Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei Carabinieri del Nucleo Investigativo per verificare se le armi trovate nelle loro disponibilita’ siano state usate per la perpetrazione di altri reati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 967 volte, 1 oggi)