MONTEFIORE DELL’ASO – Le nuove cabine per il rilevamento della velocità posizionate sulla Statale 16 e in alcune strade provinciali di Cupra Marittima stanno facendo molto discutere. Tra i contrari il primo cittadino di Montefiore dell’Aso, Lucio Porrà. Il 31 dicembre, su Facebook, aveva condiviso il nostro articolo (CLICCA QUI PER LEGGERLO) e aveva commentato in maniera dura contro l’amministrazione di Cupra. Ecco il suo pensiero.

“Non mi permetto mai di criticare l’operato di altre amministrazioni comunali però siccome la Val Menocchia e l’Adriatica sono strade frequentate da tanti miei concittadini, la decisione del Comune di Cupra di reprimere piuttosto che prevenire mi trova alquanto contrariato. Quando le amministrazioni comunali montano questi strumenti repressivi le problematiche sono due, o sono incapaci di prevenire o pensano di fare cassa sulla distrazione di qualche automobilista. Pensando male viste anche le ultime disgrazie del terremoto (vedi palazzo comunale e scuole). Credo che il Comune voglia il contributo di tutti i cittadini dell’entroterra. Consiglio naturalmente a tutti al rispetto dei limiti di velocità e al Comune di Cupra Marittima di soprassedere a questa brutta brutta decisione specialmente in questo momento di crisi economica. In subordine invito i miei concittadini a dirigersi verso altri lidi scavalcando il territorio di Cupra”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.306 volte, 1 oggi)