SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La campagna “Insieme per Arquata” della Omnibus Omnes Onlus di San Benedetto del Tronto, partita lo scorso 27 agosto insieme ai soci della sezione arquatana,  ha raggiunto un ragguardevole traguardo: 51 borse di studio per gli studenti con residenza ad Arquata, divise fra studenti di scuole elementari, medie e superiori, di 500 euro cadauna, e universitari, di 1000 euro l’una. Una donazione consistente arrivata in questi giorni da Milano ha aggiunto ben 14 borse di studio in più al bando. Il Bando di Concorso, pubblicato sull’Albo Pretorio online del Comune di Arquata del Tronto e sul sito del Comune di San Benedetto, e diffuso su facebook e altri social, ha scadenza il 31 dicembre 2016.

“Un ottimo risultato”, dice Raffaella Milandri, Presidente della Omnibus,”abbiamo programmato di potere erogare le borse di studio verso i primi di febbraio. Ma dobbiamo andare avanti anche per il futuro: la situazione dei popoli terremotati non si risolverà a breve. Il progetto deve andare avanti anche negli anni prossimi, perchè la emergenza per le famiglie non sarà risolta a breve e occorre un sostegno per gli studenti anche quando i riflettori si spegneranno del tutto”.

Aggiunge la Milandri: “Qualcuno ci ha fatto notare che il nostro progetto va a vantaggio solo degli studenti di Arquata e non di altre zone terremotate. Come è successo per altre raccolte fondi e  progetti, ci sono state destinazioni specifiche, per Amatrice o per Norcia o per altri comuni e popolazioni. Noi siamo stati coerenti fin dall’inizio e ci siamo concentrati sulla popolazione di Arquata del Tronto, la cittadina marchigiana come la nostra  e della provincia di Ascoli Piceno, come noi,  che ha pagato il più pesante tributo al sisma in fatto di vite e di danni materiali. E’ il tempo di fatti e non parole, ogni aiuto concreto è fondamentale. Noi continuiamo col nostro lavoro. Non bisogna dimenticare, soprattutto in questi giorni di festa”.  

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 132 volte, 1 oggi)