PORDENONE- Ancora silenzio stampa per i rossoblu che anche a Pordenone non porta alcun tesserato ai microfoni della stampa. L’unico a parlare, è Franco Fedeli. Il presidente non era a Pordenone ma è stato contattato dalla Redazione di Riviera Oggi:

Franco Fedeli.  “Contro il Pordenone ho visto il bicchiere mezzo vuoto quando io per indole lo vorrei sempre pieno o mezzo pieno. Non ho visto tutta la partita ma mi sembra che abbiano fatto male proprio i giocatori che mi erano stati consigliati per fare la differenza. Anche Lulli oggi non ha fatto una grande partita, da uno come lui mi aspetto sempre qualcosa in più. Il Pordenone? Non ho visto una grandissima squadra oggi, sinceramente non mi hanno impressionato. Perché Federico(Ds) e Diomede (Team Manager) non sono partiti in trasferta con i rossoblu? “Non volevo che ci fossero ulteriori polemiche, dopo quelle delle scorse settimane, i giocatori adesso devono stare tranquilli. In ogni caso non ho preso nessuna decisione per i loro ruoli. Mercato? Penso proprio che da adesso le trattative le porto avanti da solo, personalmente.”

Mauro Lovisa (Presidente del Pordenone): “Noi abbiamo giocato sempre all’attacco oggi, non ricordo una parata degna di nota di Tomei, farei fatica anche a dargli un voto. Rammaricato perché qui nei secondi tempi vengono tutte a chiudersi le squadre, è ovvio che poi facciamo fatica a fare gol. Ho visto una Samb rinunciataria e sempre nella sua area di rigore, molto diversa da quella apprezzata a Venezia, per me vuol dire che siamo una squadra forte. Doveva essere espulso Arma per il doppio fallo di mano ? E’ allora Sabatino ?”. “Non abbiamo l’obbligo di vincere come il Venezia e la Reggiana. Se andiamo in B non c è problema per lo stadio” chiude il presidente.

Bruno Tedino: “Sapevo che i rossoblu oggi sarebbero stati difensivi e quando ho visto schierato Pezzotti esterno ne ho avuto la riprova. Meritavamo di vincere, oggi come in altre occasioni abbiamo trovato una squadra che è venuta qui a chiudersi. Palladini è un grande uomo e lo stimo da quando giocava, comprendo il momento difficile noi allenatori siamo sempre sotto pressione. Il rigore sbagliato da Arma? Il ragazzo ci ha fatto vincere tante partite, non è giusto colpevolizzarlo per un rigore sbagliato, negli spogliatoi ho saputo che era regolare il suo gol e quindi non doveva essere annullato. Arma non doveva essere ammonito”. “Abbiamo fatto un ottimo girone di andata” chiude Tedino “dovremo continuare cosi’ e arriveranno dei risultati, abbiamo bruciato delle tappe ma le squadre più forti restano secondo me Venezia e il Bassano.”

Gianvito Misuraca: ” Oggi abbiamo creato molto come ci capita spesso in casa nostra e meritavamo di vincere, ancora una volta abbiamo creato molto e realizzato poco.  Forse non siamo entrati cattivi all’ inizio, ma il loro gol è stato casuale ed è nato da un rimpallo. Il rigore concesso a noi? Secondo me c’era io ero davanti e Berardocco mi ha toccato da dietro, se devo dirla tutta però  onestamente non ho fatto niente per rimanere in piedi. Altri anche più evidenti me ne hanno negati prima. La Samb? secondo me sono venuti a chiudersi e ripartire con i lanci lunghi, ma ci può stare per carità”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.932 volte, 1 oggi)