SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Affollata sorpresa nella mattinata del 17 dicembre a San Benedetto. Il Comune è infatti stato “invaso” da oltre 400 persone accorse per celebrare per una iniziativa della fondazione umanitaria buddista di Taiwan dal nome “Tzu Chi”. 

I generosi taiwanesi hanno consegnato denaro e doni ai terremotati di Arquata, molti dei quali sono ospitati proprio a San Benedetto. Partecipatissima la cerimonia all’interno della sala consiliare, alla presenza di numerose autorità, fra cui anche il sindaco Piunti e di molti sfollati delle zone colpite dal sisma. La fondazione buddista ha poi previsto anche una sorta di graduatoria con i premi in denaro che sono stati elargiti alle famiglie che hanno nel proprio nucleo familiare bambini in età scolare primaria e agli ultra settantenni.

Una rappresentanza del gruppo buddista aveva già fatto visita ai terremotati di Pescara del Tronto il 31 agosto quando in una sorta di “avanscoperta” i buddisti avevano raccolto informazioni e necessità degli sfollati che al tempo si trovavano ancora in tenda. Dopo lo “studio” di agosto la generosa fondazione ha deciso adesso di agire.

Tzu Chi è una fondazione umanitaria fondata nel 1966 che si è data come compiti quello di divulgare la compassione nel campo della medicina, dell’istruzione e della solidarietà. Il nome significa “compassione e soccorso”.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 617 volte, 1 oggi)