CUPRA MARITTIMA – L’associazione cuprense degli operatori turistici saluta il 2016 con la solita cena di fine anno, tenutasi questa volta al ristorante Anita di Cupra.

Presenti, oltre al presidente Acot Paolo Nespeca, tanti operatori turistici cuprensi e dei paesi limitrofi, l’assessore Mario Pulcini, l’ex presidente della Pro Loco Pino Neroni e il Prorettore dell’Università di Ancona Gianluca Gregori.

Il principale intervento del presidente è stato un sommario bilancio della scorsa stagione estiva. Non poteva non tracciare una linea di demarcazione sul 24 agosto, data del tragico terremoto che ha coinvolto l’entroterra marchigiano, ricordando come abbia causato un blocco generale del turismo, anche dell’area costiera, che fino ad allora era risultato florido.

Dichiara Nespeca: “Confindustria e Confesercenti si sono mossi racimolando alcuni fondi dalla Camera di Commercio, in modo da avviare iniziative di promozione turistica su tutto il territorio. Il budget previsto oscilla dai 30mila ai 50mila euro. Come Acot siamo stati abbastanza efficaci sfruttando diversi input, come fiere, social e associati.”

“Il 2017 – continua il presidente Acot – deve avere un unico criterio di collaborazione, quello di sfruttare, ma anche convogliare sul territorio, vari mezzi di comunicazione nazionale, in modo da far capire a tutti che il nostro territorio è al sicuro dal terremoto e che non avrà alcuna influenza sul turismo futuro.”

Interviene infine l’assessore cuprense agli eventi turistici e alla cultura  Mario Pulcini: “Ringrazio vivamente l’Acot e i vari hotel e camping che hanno ospitato nei mesi scorsi le popolazioni terremotate. L’amministrazione sa che può fare affidamento costantemente su queste realtà locali, perciò l’unica cosa che può fare in aggiunta è agevolare costantemente le attività balneari e adottare provvedimenti che promuovano il turismo, come la rinuncia alla tassa di soggiorno”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 872 volte, 1 oggi)