SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Visita a sorpresa dell’ex ministro Giuseppe Zamberletti a San Benedetto. Il politico, classe 1933, ha raggiunto l’ex scuola Curzi in via Golgi dove è stato accolto dai volontari della Protezione Civile sambenedettese a cui sono andati tutti i complimenti di Zamberletti “per la grande opera di accoglienza a favore dei terremotati” ospiti da mesi in Riviera.

Zamberletti può considerarsi il “padre” della moderna Protezione Civile italiana essendo stato il primo Ministro per il Coordinamento del Dipartimento nel 1982 sotto la Presidenza del Consiglio di Giovanni Spadolini. Di nuovo in carica con Bettino Craxi dall’84 all’87, Zamberletti ha incontrato i volontari sambenedettesi e il primo cittadino Pasqualino Piunti, facendo tappa in città nel viaggio di ritorno a Roma da Macerata, dove ieri ha ritirato il premio Picchio d’Oro nell’ambito della Giornata delle Marche.

L’82enne, che fu anche Ministro dei Lavori Pubblici nel 1987 nonché deputato per sei legislature, ha avuto modo anche di scherzare un po’ con gli operatori della Protezione Civile accorsi per la sua visita: “Per i ‘montanari’ come me (Zamberletti è nato a Varese n.d.r.) vivere al mare è un trauma e allora il vostro lavoro di accoglienza diventa ancor più importante” ha commentato il politico riferendosi ovviamente agli sfollati delle zone montane ospiti da tempo nelle strutture sambenedettesi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)