ANCONA – Sono state del maestro Marco Santini le musiche che hanno allietato la XII edizione della Giornata delle Marche, dedicata ai tanti volti della solidarietà e della dignità che hanno connotato questo 2016 marchigiano. Al violinista e compositore è stato assegnato il compito di aprire e chiudere la manifestazione, con i suoi due brani titolati, rispettivamente, “Il Cristo delle Marche” e “Fratello Sole, Sorella Luna” (con quest’ultima esecuzione cantata dal duo “Opera Pop”).

Il maestro ha anche curato alcuni intermezzi musicali durante lo svolgimento dell’evento. Marco Santini, violinista marchigiano, ha studiato prima al Conservatorio di Fermo e poi si è diplomato a pieni voti presso la Hochschule für Musik and Darstellende Kunst di Heidelberg-Mannheim (Germania).

Nel 2010 si è anche laureato, sempre a pieni voti, in musica con indirizzo pedagogico all’Università di Mannheim. Ha all’attivo premi e riconoscimenti in concorsi nazionali e internazionali. Collabora con diverse orchestre sia in Italia che all’estero.

In una recente tournée in Argentina e Uruguay per “I Marchigiani nel mondo” insieme alla sorella Lucia, è stato insignito della cittadinanza onoraria della città di San Lorenzo di Rosario per le numerose attività culturali svolte a favore della comunità. Nel gennaio 2014 ha ricevuto una lettera di complimenti e di ringraziamento da Papa Francesco che ha ascoltato “Il Cristo delle Marche”, primo brano da lui composto ed eseguito, sempre in questo mese, al Pantheon di Roma davanti alle più alte cariche dello Stato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 61 volte, 1 oggi)