SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica 4 dicembre i sambenedettesi saranno chiamati alle urne per il referendum sulla riforma costituzionale. La votazione si svolgerà dalle 7 alle 23 e per votare è necessario esibire al presidente di seggio la tessera elettorale personale e un documento di riconoscimento.

Chi avesse smarrito la tessera o avesse esaurito gli spazi a disposizione per la timbratura deve recarsi all’ufficio elettorale (Municipio di viale De Gasperi, secondo piano) per chiedere una nuova tessera. L’ufficio resterà aperto a tale scopo venerdì 2 e sabato 3 dicembre con orario continuato dalle 9 alle 18, domenica 4 dicembre per l’intero periodo di apertura dei seggi.

A San Benedetto gli aventi diritto al voto sono 37.817, di cui 17.817 maschi e 20.000 femmine. L’elettore più anziano è Italo Piattoni, che a luglio ha compiuto 104 anni, la più anziana Angela Piersanti che a luglio ha compiuto 103 anni. Gli elettori più giovani sono invece  Lorenzo  Addarii tra i maschi e, tra le femmine, Chiara Paci: entrambi compiono 18 anni il 3 dicembre.

La novità di questa tornata elettorale referendaria è rappresentata dalla presenza in città di persone provenienti da Comuni colpiti dal terremoto e che dunque voteranno a San Benedetto. In Comune sono pervenute 334 domande da cittadini di Accumoli (48), Acquasanta (5), Amatrice (31), Arquata del Tronto (212), Ascoli Piceno (1), Camerino (12), Cittareale (2), Montegallo (2), Norcia (21).

L’ufficio elettorale, d’intesa con la Prefettura, ha fatto in modo che persone alloggiate nella medesima struttura ricettiva votino nello stesso seggio. I terremotati sono infatti distribuiti in 17 seggi, ubicati nelle scuole Piacentini, Curzi, Ragnola, Colleoni e Cappella. I certificati di ammissione al voto vengono distribuiti in queste ore negli alberghi dove alloggiano queste persone.

I seggi istituiti in città sono 43. Questa la loro ubicazione:
n. 1 – 2 – 3 – 4: scuola “Sacconi” – via Leopardi, 25;
n. 5 – 6 – 7 – 8: scuola “Manzoni” – via Aleardi, 12;
n. 9 – 10 – 11 – 12: scuola “A. Marchegiani” – via Impastato 12 – Paese alto;
n. 13: seggio dell’ospedale civile “Madonna del Soccorso”
n. 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19: scuola “B. Piacentini” – via Asiago 142;
n. 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 – 28: scuola “Curzi” – piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa;
n. 29 – 30 – 31: scuola Ragnola – via Monte Ascensione;
n. 32 – 33 – 34 – 35 – 36: scuola “Spalvieri” – via Colleoni 30;
n. 37 – 38 – 39 – 40 – 41 – 42 – 43: scuola “Cappella” – piazza Setti Carraro.

A ciò si aggiungono due seggi speciali destinati a raccogliere il voto dei ricoverati dell’ospedale e di Villa Anna che non sono in grado di recarsi al seggio. Il seggio 23 invece è deputato a raccogliere il voto dei ricoverati nella RSA San Giuseppe, il numero 8 per i ricoverati nella clinica Stella Maris.

Il Comune ha organizzato il servizio di trasporto per elettori impossibilitati a raggiungere autonomamente il seggio per disabilità o deambulazione gravemente ridotta. Il servizio funzionerà con gli stessi orari di apertura dei seggi e la richiesta dovrà essere inoltrata all’ufficio elettorale telefonando al numero 0735/794502.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 211 volte, 1 oggi)