SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nei giorni scorsi, è stata sottoscritta da parte del Comune di San Benedetto del Tronto, le Associazioni dei pescatori cittadine e due gruppi d’acquisto solidale – Gas un protocollo d’intesa che detta le regole dei rapporti tra produttori accreditati al Mercato Ittico e consumatori aggregati. Di fatto, si apre una nuova strada verso un forte avvicinamento tra i produttori e i consumatori.

La necessità di stipulare il protocollo nasce dal fatto che il Comune, partecipando ad un bando del Fondo Europeo della Pesca, ha ottenuto dalla Regione Marche un finanziamento con il quale ha realizzato, all’interno dell’area del Mercato Ittico Comunale, uno spazio destinato allo scambio commerciali tra tutti produttori e GAS. Si tratta del primo esperimento del genere nelle Marche.

I Gas sono gruppi di acquisto organizzati spontaneamente per applicare i principi di equità e solidarietà ai propri acquisti (principalmente prodotti alimentari o di largo consumo). I criteri che guidano la scelta dei fornitori (pur differenti da gruppo a gruppo) in genere sono: qualità del prodotto, dignità del lavoro e rispetto dell’ambiente.

I Gas che hanno sottoscritto l’accordo sono l’associazione “Zoe” e l’associazione “Gasper” mentre le quattro organizzazioni che rappresentano i pescatori sono il Consorzio Economia Ittica Marina Sambenedettese, l’Organizzazione Produttori “Abruzzo Pesca” Società Cooperativa, l’Associazione Pescatori Nati in Adriatico e l’Associazione Imprese di Pesca, tutte componenti del Flag Marche Sud (l’ex Gruppo di Azione Costiera), per stringere un patto di scambio. Il protocollo è aperto all’adesione di altri gruppi d’acquisto.

“Siamo fieri di essere pionieri in questo modo nuovo diverso e soprattutto sostenibile di offrire nuovi canali commerciali ai nostri operatori – afferma l’assessore alla pesca Filippo Olivieri – nel contempo è per noi motivo di orgoglio dare un’opportunità perché i consumatori abbiano un canale privilegiato per apprezzare le specie ittiche locali e di stagione: penso sia una delle strade da battere per sostenere la pesca sambenedettese nell’impegno che profonde per gestire la risorsa ittica in modo rispettoso dell’ambiente marino”.

A partire dal 2 dicembre prossimo, ogni venerdì, si svolgeranno gli scambi. I cittadini interessati possono rivolgersi ai Gas ed iscriversi ad essi, condizione necessaria per acquistare il pesce.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.040 volte, 1 oggi)