SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ andato in scena ieri sera, a pochi giorni dall’incontro in Comune fra Sindaco e presidenti di quartiere, un nuovo meeting del Pd, tappa della campagna itinerante d’ascolto che i democratici stanno portando avanti ormai da un mese in giro per la città. Questa volta il “giro” ha portato il gruppo consiliare, con tutti e 4 i rappresentanti presenti, al quartiere Sentina.

I problemi che affliggono la zona più a Sud di San Benedetto sono ormai noti e coinvolgono il fosso collettore, spesso con livelli di acqua altissimi e proliferazione di zanzare oltre all’attiguo tunnel che da Piazza Setti Carraro “sbuca” in via dell’Airone, “un tunnel che spesso si allaga e che è in generale poco sicuro, speriamo che l’Amministrazione lo includa nel suo piano telecamere” fa sapere il presidente del Comitato di Quartiere Valerio Isopi.

Altri problemi poi, come la pulizia e l’endemica carenza di parcheggi, in questi giorni sono accentuati dalla presenza massiccia, in hotel e case, di molte persone provenienti dalle zone colpite dal sisma. “Abbiamo chiesto aiuto al Comune e rinnovato le istanze anche all’opposizione nella serata di ieri, c’è bisogno di parcheggi e di una maggiore attività della Picena Ambiente perché con i terremotati al momento le presenze sono paragonabili a quelle che si registrano in agosto, in piena stagione estiva” sottolinea ancora Isopi.

Dello stesso avviso pare essere il capogruppo Pd in Consiglio Antimo Di Francesco che osserva come la Sentina sia “una importante zona turistica della città con alta densità di seconde case  e pertanto è necessario pianificare una serie di interventi per migliorare il decoro urbano”. Sarà “compito del Pd” conclude il consigliere “sollecitare l’amministrazione comunale attraverso la produzione di interrogazioni  e iniziative politiche affinché si concretizzi una seria e fattibile programmazione”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)