SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Microfono a Ottavio Palladini. L’allenatore della Samb sarà nostro ospite mercoledì sera, dalle ore 18, in diretta video dal Caffè 29 di via Manzoni, a Grottammare, a due passi da Piazza Carducci in zona Ascolani.

Chi vorrà potrà inviare le proprie domande a Palladini scrivendo al numero whatsapp 3289519554, commentando questo articolo o inviando una mail a info@rivieraoggi.it.

Sarà anche possibile essere presenti alla trasmissione e, magari, porre le proprie domande all’allenatore della Samb nella diretta.

Ore 18:00- Palladini torna sulla querelle di domenica in conferenza stampa- “Dopo Reggio Emilia è stata una settimana difficile, sappiamo di avere dei limiti come le altre. I nostri obiettivi non cambiano con la salvezza al primo posto. Io non ce l’ho con nessuno in particolare, so bene che tutti tengono alla Sambenedettese, anche i giornalisti, ma passare dalle stelle alle stalle con questa semplicità non è positivo.”

Ore 18: 05- L’ambiente di San Benedetto è particolare da questo punto di vista non trovi? “A San Benedetto si vive di calcio e si pensa sempre alla Samb, sì qui la Samb  è la prima cosa e parliamo quasi solo di quello. Non mi va giù che si cerchi sempre la polemica. Si può vincere o perdere ma al di là dei risultati vorrei ci fossero dinamiche diverse”.

Ore 18:10-Si parla del rapporto con Fedeli- “Il presidente vive la partita in maniera viscerale, poi quando ci parli il lunedì è tutta un’altra persona. Quello che non dobbiamo fare è alimentare la sua foga dell’immediato post-partita.”

Ore 18:12 -Alberto Silvestri chiede se sia necessario l’ingaggio di un attaccante in grado di concretizzare la mole di gioco della squadra- “L’obiettivo è recuperare giocatori come Fioretti e Sorrentino anche se non stanno segnando, sono convinto che possono uscire da questo momento di crisi realizzativa.”

Ore 18:15- La Samb può avere l’ambizione del primo posto o è troppo per una neopromossa? “La Classifica divisa in due tronconi, penso che squadre come Bassano, Parma, Venezia, Reggiana e Pordenone sono le più attrezzate per vincere anche se noi siamo riusciti a giocarcela con tutte. Anche a Reggio Emilia dove abbiamo toppato il secondo tempo, credo che la Reggiana non ci abbia messi sotto per tutti i 90 minuti”.

Ore 18:18- Leonardo chiede: è cambiato il ruolo dell’allenatore negli anni? “Penso che negli anni le qualità richieste a un allenatore sono diventate via via più specifiche. Se non hai qualità nella gestione di un gruppo e giocatori che ti seguono non vai avanti e se non hai questa dote, riuscire a gestire un gruppo  appunto, vai poco avanti. Credo che al momento il compito più importante per un allenatore sia quello di saper scegliere tra tanti calciatori in mezzo a gruppi numerosi.”

Ore 18: 25- Si parla della prossima partita contro il Lumezzane– “Sarà certamente una partita difficile ma che abbiamo il dovere di andare ad affrontare con lo stesso spirito visto finora. Voglio una squadra propositiva ed equilibrata.”

Ore 18:30- Si parla del gruppo Samb-“E’ un bel gruppo il nostro, anche i nuovi arrivati si sono amalgamati bene, vedo che ridono e scherzano spesso ma quando c’è da lavorare non si tirano mai indietro”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1 volte, 1 oggi)