CUPRA MARITTIMA – Arrivati i primi risultati delle verifiche sugli edifici pubblici strategici, effettuate all’indomani del sisma che ha coinvolto il maceratese.

Gli edifici a cui è stata rivolta maggiore attenzione sono il plesso scolastico e il palazzo municipale.

I risultati sono stati presentati il pomeriggio del 27 ottobre alla giunta comunale dall’ingegner Maurizio Maria Malatesta, professionista incaricato dall’amministrazione comunale. Le indagini sul plesso scolastico sono state effettuate in modo da rilevare le caratteristiche dimensionali della struttura, dei materiali e quindi il grado di vulnerabilità sismica dello stesso; emerge pertanto la necessità di un adeguamento sismico dell’edificio.

Interviene in merito il sindaco Domenico D’Annibali: “abbiamo una visione chiara e completa circa lo stato dell’edificio scolastico, sviluppatosi progressivamente nei decenni su una serie di interventi, condotti con regole costruttive e normative differenti rispetto alle attuali. Interventi caratterizzati soprattutto dall’utilizzo di sistemi di costruzione diversi in ogni occasione, i quali hanno determinato la criticità e la vulnerabilità sismica, che risulta oggi non essere adeguata”.

“Ci siamo già attivati – continua il sindaco – per valutare tutte le possibili soluzioni, in modo da realizzare l’adeguamento sismico dell’edificio. Il prossimo passo sarà quello di prendere delle scelte progettuali di edilizia scolastica e i necessari finanziamenti comunali.”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.667 volte, 1 oggi)