VAL VIBRATA – Nella  serata del 24 ottobre un cittadino ha segnalato ad un equipaggio della Polizia Stradale di Teramo, in servizio di vigilanza sulle arterie viarie dell’area Bonifica del Tronto-Val Vibrata, di aver notato alcuni tubi in rame fuoriuscire da cespugli in un terreno incolto e  ricco di vegetazione da poco attraversato.

L’attività di controllo subito avviata unitamente a personale della Squadra Mobile ha consentito così ai poliziotti di riscontrare che in un campo incolto, ricco di fitta boscaglia e ben nascosti sotto rami di piante che ne rendevano difficile l’individuazione, era celata una “montagna” di cavi in rame, del diametro medio di 1,5 cm., di ovvia provenienza furtiva.

I poliziotti hanno rinvenuto anche una grossa tronchesi con cui parte dei tubi troppo lunghi erano stati segmentati.

Il materiale rinvenuto, di un peso totale di 25 quintali, è stato quindi recuperato, trasportato in altro sito limitrofo, sequestrato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’attività d’indagine prosegue per individuare i responsabili dei furti di rame.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 651 volte, 1 oggi)