SAN BENEDETTO DEL TRONTO- L’aspetto esteriore si sa governa la nostra società e, a quanto pare anche le nostre città, specialmente quelle che, come San Benedetto, vivono di turismo e di cartoline. Non è quindi una sorpresa che le questioni relative al decoro urbano prendano porzioni importanti dei dibattici politici e delle azioni amministrative.

In questi giorni il Comune è impegnato nella riqualificazione di via Gramsci con alcuni lavori di pulizia dai graffiti fino al vecchio Cinema delle Palme che dovrebbero partire oggi mentre nella stessa via sono state già montate alcune panchine nuove come sottolinea il consigliere di maggioranza Stefano Muzi in un post su Facebook aggiungendo come San Benedetto stia “cambiando in maniera lenta ma costante”. (vedi foto)

 
La questione è però altrettanto sentita anche dall’opposizione con Tonino Capriotti che è sempre piuttosto attivo sul tema e promotore di più di un’interrogazione sul tema, l’ultima delle quali, sulle affissioni selvagge che per il consigliere deturpano il centro cittadino, “non ha trovato riposta da parte del Sindaco” in occasione dell’ultimo Consiglio fa sapere il membro d’assise che ricorda come “manifesti abusivi infestino muri, vetrine, lampioni e piante”. Capriotti infine lancia una domanda al Sindaco: “quali interventi intende adottare per eliminare questa indecorosa immagine che presenta soprattutto il centro?”.

La risposta, visti i propositi recenti comunicati dall’amministrazione, anche in relazione a via Bassi (leggi qui), potrebbe arrivare a breve.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 452 volte, 1 oggi)