GROTTAMMARE – E’ recente l’apertura del terzo cantiere dell’ex Ospedale. L’impresa all’opera in queste settimane nel centro storico è la FA.RO. Edilizia di Paolini R. & C. sas.

I lavori si riferiscono all’appalto conclusivo della riqualificazione dell’immobile sito all’ingresso del borgo: costeranno,  al netto del ribasso del 23,321% offerto dall’impresa, 138.492,14 euro.

Le opere serviranno a completare le finiture del piano primo, ad eseguire l’installazione degli impianti tecnici e la posa in opera del cartongesso e la realizzazione delle finiture del piano secondo e del sottotetto. Per eseguirle, l’impresa avrà tempo fino a dicembre, ma il direttore dei lavori, arch. Bernardino Novelli,  annuncia  che “ci saranno altre lavorazioni  in economia  che necessiteranno altro tempo quindi il cantiere si prolungherà fino ai primi mesi del 2017”. Il terzo stralcio del recupero dell’immobile ex ospedale “Madonna degli Angeli” è inserito in un quadro economico di 230 mila euro.

Il recupero dell’immobile ebbe inizio nell’anno 2005, quando avvenne il consolidamento statico del piano rialzato, la ristrutturazione della porzione posta a sud del corpo di fabbrica utilizzando elementi strutturali in acciaio (travi, pilastri e solai) e la realizzazione nel piano seminterrato di una saletta per uso polivalente (attualmente utilizzata dalla Corale Sisto V).

Dal settembre 2014 al febbraio 2016 è stato realizzato il secondo stralcio, che ha restituito anche l’estetica dell’immobile.

Il cantiere ha provveduto al consolidamento statico dell’intera struttura dell’edificio (piano rialzato, primo, secondo e sottotetto), al completamento, con finiture e impianti tecnici, del piano rialzato, alla predisposizione degli impianti tecnici e la posa in opera del cartongesso nel piano primo e all’abbattimento delle barriere architettoniche. Sempre in questa fase, inoltre, è avvenuto il restauro della facciata principale oltre al recupero di tutti i prospetti dell’edificio e alla sistemazione della pavimentazione esterna.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 315 volte, 1 oggi)