SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riceviamo una nota stampa della consigliera di maggioranza Brunilde Crescenzi.

La partenza della consigliera Maria Rita Morganti, neoeletta tra le fila del Pd, è tutt’altro che brillante ed esclusivamente rivolta a cercare una improbabile visibilità su temi che non conosce, visto e considerato che mente sapendo di mentire quando sostiene false argomentazioni come quella di un presunto taglio di risorse destinate alle politiche sociali per l’infanzia quando è chiaro a tutti che l’attuale bilancio è ancora quello della passata amministrazione.

Noi consiglieri di maggioranza prendiamo sul serio e con grande senso di responsabilità le funzioni del nostro ruolo, studiando seriamente gli atti e proponendo indirizzi come previsto dalle nostre funzioni, in special modo in un ambito  importante come quello del sociale.

Già al suo esordio nel recente Consiglio comunale di sabato scorso, la Morganti aveva presentato un’interrogazione per la quale fin dai giorni precedenti si era diffusa la voce che fosse stata scritta da mani che non erano le sue.

Un’interrogazione avente ad oggetto la Sentina ma non già per sensibilità ai temi ambientali, piuttosto per la carica di presidente vacante lasciata da chi si era candidato proprio tra le fila della sua stessa coalizione.

Si parla tanto del ruolo dei giovani in politica e dell’esigenza che occupino uno spazio sempre più grande, ma il modo “vecchio” di cercare visibilità con strumenti scorretti e obsoleti, lascia davvero alquanto perplessi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 933 volte, 1 oggi)