MOSCIANO SANT’ANGELO – Già a fine settembre il Questore di Teramo aveva emesso 11 provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive(daspo) a carico di altrettanti tifosi della Squadra di calcio del “ASD Mosciano” appartenenti al gruppo ultras denominato M.A.S. a seguito degli incidenti avvenuti l’11 settembre tra i predetti ed alcuni sostenitori della squadra di calcio “ Nuova Santegidiese 1948”.

Quel giorno, come si ricorderà, i tifosi locali, in segno di protesta legata alla decisione della suddivisione tra le opposte compagini, avevano affisso uno striscione riportante la scritta “Comune e Questura non ci fate paura”. Inoltre, al termine della partita, nonostante ci fosse stata la disposizione per i tifosi locali di lasciare lo stadio successivamente al deflusso di quelli ospiti, alcuni ultras del Mosciano avevano organizzato un vero e proprio “agguato” ai supporters  santegidiesi.

Oggi, a conclusione degli accertamenti della Stazione Carabinieri di Mosciano Sant’Angelo, dopo la denuncia all’Autorità Giudiziaria il Questore ha adottato ulteriori 7 provvedimenti di interdizione all’accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive nei confronti di altrettanti tifosi della Nuova Santegidiese.

Agli stessi ( T.G. di anni 23, C.A. di anni 36, D.S.G. diciassettenne, D.B.S. di anni 29, A.F. di anni 20 e D.G.F. di anni 32) il provvedimento vieterà di recarsi allo stadio o ad altre strutture sportive per un anno, mentre a T.V., cinquantenne, già colpito da Daspo, il divieto durerà tre anni.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 956 volte, 1 oggi)