TERAMO – Per anni avrebbe sfruttato e picchiato una connazionale che, dopo aver portato in Italia con il miraggio di un lavoro, aveva costretto a prostituirsi sulla strada appropriandosi anche dei proventi della sua attività: una vicenda che si è conclusa con la condanna della donna, una nigeriana di 36 anni residente nell’Ascolano ed anche lei prostituta, a quattro anni e sei mesi per lesioni aggravate e favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

A quanto riportato dall’Ansa, violenze e soprusi che ad ottobre del 2013 erano culminati in una vera e propria aggressione ai danni della vittima, colpevole di non averle consegnato i soldi richiesti, alla quale aveva quasi staccato un dito a morsi dopo averla ferita con una bottigliata sul viso.

L’indagine che ha portato la donna a processo era partita proprio dopo il violento pestaggio della ragazza, una nigeriana di 23 anni, che era stata ritrovata dai carabinieri lungo la Bonifica del Tronto. E fu proprio ai militari che, dopo un’iniziale ritrosia, la giovane aveva raccontato il suo calvario.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 394 volte, 1 oggi)