SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella mattinata del 15 ottobre, al Comune di San Benedetto del Tronto, si sta svolgendo la consegna del “Gran Pavese Rossoblu”. Tante le autorità presenti: dai membri della giunta al primo cittadino passando per molti consiglieri comunali come Valerio Pignotti o Tonino Capriotti e al presidente dell’assise Bruno Gabrielli fino al Consigliere Regionale Fabio Urbinati.

Questa edizione, segnata dal grave sisma del 24 agosto che ha colpito anche la provincia di Ascoli, vuol premiare tutti i sambenedettesi che tramite Protezione Civile e volontariato hanno dato una mano importante e aiuti fondamentali.

“Quest’anno premio unico ma multiplo riconosciuto a tutti i volontari che in occasione del sisma hanno dimostrato un grande senso civico e abnegazione” ha affermato il responsabile Relazioni con il pubblico, Eugenio Anchini all’atto di presentare la cerimonia di conferimento del premio.

“A Bari il Comandante Coccia ha ritirato il premio dell’Anci riservato ai Vigili Urbani” fa sapere il Sindaco Piunti, a testimonianza del riconoscimento nazionale e trasversale dell’opera di accoglienza e solidarietà che la città di San Benedetto ha messo in atto.

“Mi sono commosso quando ho visto tutti quei giovani lavorare per l’emergenza sisma, qualcuno li ha definiti bamboccioni in passato ma ho potuto constatare il contrario” ha dichiarato ancora Pasqualino Piunti durante la premiazione al giovane Luca Caffarini in rappresentanza dei giovani volontari intervenuti poco dopo il terremoto per i soccorsi.


Le tante sfaccettature di un’accoglienza a 360 gradi. E questa giornata e questo premio non sono stati il riconoscimento solo alla Protezione Civile e ai volontari che hanno prestato il loro lavoro nelle ore successive al terremoto. E’ stata infatti anche la giornata dedicata all’accoglienza sia degli hotel che del tessuto sociale sambenedettese nella sua interezza.

Una delle tante, tantissime attestazioni parallele di solidarietà riconosciute e apprezzate in questa giornata è stata anche quella dell’Associazione Commercianti Mare Sentina che assieme al Comitato di Quartiere ha promosso una lodevole iniziativa volta a assistere i bambini accumolesi ospiti delle scuole in città. Luigi Cappelli e Nadia Mondelli raccontano infatti come “in poco più di due giorni sono stati raccolti e donati 20 grembiuli, 40 zaini e numerosissimo materiale didattico fra cui penne, astucci, matite e quaderni perché quei bambini non avevano nulla, si sono ritrovati a iniziare l’anno scolastico senza nessun tipo di materiale” fanno sapere i promotori dell’iniziativa, l’ennesima che la città ha voluto riservare agli sfortunati cittadini di Accumoli.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 739 volte, 1 oggi)