SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Luca Berardocco sembra essersi preso le chiavi del centrocampo rossoblu in questo avvio di stagione, senz’altro più che positivo anche per un ragazzo che negli anni ha raccolto meno di quanto prometteva da ragazzo. Adesso, a 25 anni, il centrocampista ha la chance di fare bene in una piazza importante come San Benedetto e la testa sembra quella giusta per perseguire la “mission”, anche quando analizza gli umori del gruppo:“la partita col Parma è certamente archiviata” esordisce Berardocco davanti alla stampa “meritavamo di più certo, ma ormai è andata quindi sia io che i miei compagni abbiamo ora la testa solo al Venezia, consci che con un atteggiamento giusto possiamo andare in Veneto a dire la nostra”.

Nonostante Berardocco consideri il Venezia “una grande squadra e come il Parma costruita per vincere subito” il calciatore abruzzese assicura ad ogni modo “che la gara di sabato non è un esame ma una partita come le altre che vale tre punti”. Nonostante questo però non sarà una Samb remissiva per il ragazzo: “noi non siamo una squadra che aspetta l’avversario o che gioca per pareggiare, sfrutteremo i momenti della partita, ben consapevoli che magari il Venezia sarà arrabbiato per aver perso la testa della classifica contro il Pordenone”.

Ma i rossoblu in laguna dovranno fare a meno di due importanti pedine dello scacchiere di Palladini. Infatti oltre a Radi, fermato da giudice sportivo per 2 giornate, mancherà anche Lulli che Berardocco conosce bene anche per averci giocato assieme nelle giovanili del Pescara: “conosco Luca fin da ragazzino e fino ad ora sta facendo davvero bene, quindi la sua sarà un’assenza importante per noi ma sono fiducioso sul fatto che abbiamo una rosa ampia che permetterà di sostituirlo nel migliore dei modi” chiosa il calciatore.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 648 volte, 1 oggi)