ANCONA – La Giunta, nel corso di una seduta straordinaria di questa mattina, ha approvato il Patto orizzontale regionale 2016 che mette a disposizione una capacità di 3,53 milioni di euro da utilizzare per spese di investimento (conto capitale). Nove Comuni marchigiani cedono parte della loro capacità di spesa per consentire ad altri di investire le risorse, senza violare il pareggio di bilancio tra entrate finali e spese finali.

“Una sorta di gioco di squadra tra amministrazioni comunali per completare interventi che altrimenti rimarrebbero al palo per i vincoli di legge – afferma l’assessore al Bilancio, Fabrizio Cesetti – Alcuni consentono ad altri di utilizzare la propria capacità di spesa che recupereranno poi nel biennio 2017/2018, mentre chi utilizza ora recupererà spendendo meno nel prossimo biennio. Si tratta di una solidarietà a invarianza zero, utile per rispondere alle esigenze locali sulla base della specifiche necessità dei territori, senza compromettere l’equilibrio dei saldi di finanza pubblica”.

I Comuni che hanno ceduto parte della propria capacità di spesa sono: Gabicce Mare, Maiolati Spontini, Monsano, Montelabbate, Montelupone, Montemarciano, Monteprandone, Numana e Porto Sant’Elpidio. Priorità di spesa viene concessa ai Comuni sotto i mille abitanti e a quelli istituiti per fusione. I criteri sono stati condivisi con il Consiglio delle autonomie locali e con Anci Marche.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 109 volte, 1 oggi)