GROTTAMMARE – Troviamo nelle Marche il primo centro di medicina estetica non invasiva che utilizza un macchinario con tecnologia MMFU, l’avanguardia negli HIFU. L’ambulatorio di Grottammare del dottor Daniele Trono, medico estetico, è uno dei quindici in Italia a disporre dell’Ultraformer 3, un’apparecchiatura d’avanguardia.

Il dottor Trono racconta di essersi appassionato a questa tecnologia “per la non invasività e i risultati clinici naturali. L’ho studiata e testata per più di un anno su pazienti volontari creandosi una casistica personale e saggiandone nei minimi dettagli efficacia e sicurezza, è una strumentazione medica di ultima generazione a disposizione della medicina estetica rigenerativa non invasiva. Arriva direttamente dalla medicina oncologica la risposta a trattamenti medico-estetici rapidi, efficaci e non invasivi”.

Riportiamo e pubblichiamo un resoconto del dottor Daniele Trono, giunto in redazione:

La tecnologia alla base è quella degli MMFU, Micro e Macro hiFU, acronimo di High Intensity  Focused Ultrasound. Gli ultrasuoni ad altissima potenza vengono focalizzati in un unico punto individuato dal medico programmando adeguatamente l’apparecchiatura. Il risultato è l’immediata coagulazione nel tessuto in profondità senza alcuna lesione cutanea e senza dolore.

Il macchinario è uno stretto parente delle apparecchiature HIFU utilizzate in campo oncologico per la rimozione senza bisturi dei tumori localizzati di fegato, prostata e mammella. Allo IEO di Milano da pochi anni vengono utilizzati macchinari  HIFU come pratica clinica nei pazienti oncologici in modo del tutto non invasivo, senza bisturi o cateteri.

L’Ultraformer 3 presente nel centro  è un macchinario assolutamente innovativo nel panorama delle tecnologie di ultima generazione. È una versione sofisticata, potenziata e ottimizzata per l’utilizzo nei tessuti sottocutanei e adiposi. Gli MMFU sono sicuri ed efficaci e rappresentano il progresso degli HIFU. In pratica si creano micro e macro punti di focalizzazione che vanno a coagulare in profondità retraendo la cute senza bisturi o cicatrici. Sono anche in grado di “sciogliere” il tessuto adiposo dall’esterno.

In base alle impostazioni gestite dal medico si può agire su diverse profondità: 1,5mm, 3mm e 4,5 mm per retrarre e liftare la cute del viso o del corpo o 6 e 9 mm per sciogliere i cuscinetti di tessuto adiposo.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 749 volte, 1 oggi)