SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Niente di fatto. La decisione, attesa per oggi, sulla richiesta di sospensiva del centrosinistra è stata rimandata dal Tar Marche. 

La decisione cautelare verrà presa unitamente a quella che deciderà sull’intero contendere nell’udienza di merito fissata per il 21 ottobre. Il Pd e tutti gli altri ricorrenti dell’area di centrosinistra dovranno aspettare ancora oltre un mese per avere il responso sulla decisione chiesta al Tribunale Amministrativo che per il codice ha tempi piuttosto brevi di discussione sia per il “pregiudizio” che è fondamento della richiesta sia per il particolare argomento, ovvero la materia elettorale.

Lo slittamento adesso divide un po’ gli umori all’interno del Pd visto che voci di corridoio danno qualcuno preoccupato perché interpreta il segnale come volontà dei giudici di premiare, o comunque di non voler spezzare la governabilità del Comune, mentre altri rimangono fiduciosi in quanto leggono la “non decisione” come un segnale positivo in quanto il ricorso, per lo meno, non è stato bocciato dai giudici in tempi rapidi.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 763 volte, 1 oggi)