MONTEPRANDONE – Un paio di addii e due colpi in entrata per l’Handball Club Monteprandone di nuovo nella mani di coach Andrea Vultaggio, sulla panchina celeste per il sesto anno consecutivo. Si riparte dalla serie B, ma stavolta, argomenta il vice presidente Pierpaolo Romandini, “per provare a tornare in serie A2”, categoria che manca da tre anni dopo l’ormai nota rinuncia. Monteprandone si metterà in corsa nel solito raggruppamento marchigiano-abruzzese (gironi e calendari devono ancora essere stipulati). Ma dicevamo, due i volti nuovi. Si tratta dell’argentino Elio Wolter, terzino centrale classe 1979 in Italia da 13 anni, passato per Noci, Alcamo e Padova e dal 2007 a Guardiagrele, e del portiere ascolano Mauro Gabrielli, vecchia conoscenza della pallamano monteprandonese, che torna in celeste dopo nove stagioni e che vanta la precedenza esperienza con San Benedetto. Ma in arrivo c’è un altro portiere. Intanto, confermato in gran parte il blocco dell’ultima salvezza in serie B, fatti salvi i fratelli Mucci: Andrea si è sistemato a Pescara, mentre Alfredo per motivi personali ha deciso di smettere. L’Handball Club Monteprandone si sta allenando al palazzetto Colle Gioioso dal 31 agosto scorso.

Ma la squadra guarda anche ai giovani. Una base che continua a crescere di anno in anno. L’Handball Club Monteprandone è i suoi 60 ragazzi del settore giovanile. Tre le squadre che affiancheranno la prima, ossia l’Under 18, l’U14 e l’12, sotto la supervisione di coach Andrea Vultaggio. Si crescono talenti, si impianta il futuro, e allora proprio per questo dal pomeriggio del 24 settembre e per l’intera giornata del 25 la società dei fratelli Romandini hanno organizzato al palazzetto Colle Gioioso un Open Day con partite di pallamano, giochi, buffet, dimostrazioni e musica. Per info contattare il 393.9168951 oppure scrivere a info@hcmonteprandone.it.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 60 volte, 1 oggi)