SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le Marche alle Paralimpiadi di Rio 2016 saranno rappresentate da tre atleti di valore internazionale che daranno, ancora una volta, il meglio di se stessi per tenere alto il prestigio dello sport italiano e arricchire il medagliere nazionale con prestazioni vincenti.

Sono i veterani Giorgio Farroni (ciclismo su strada), Assunta Legnante (getto del peso) che hanno partecipato alle Paralimpiadi Londra 2012 e il più giovane atleta marchigiano ai giochi Ruud Koutiki (400metri piani). Atleti eccezionali che hanno già conseguito risultati sportivi prestigiosi e che a Rio cercheranno le conferme che tutti auspichiamo. Gareggeranno in una competizione (dal 7 al 18 settembre) che vedrà coinvolti più di 4.300 atleti con disabilità provenienti da 176 Paesi del mondo, in un clima paralimpico che – meglio di ogni altra manifestazione sportiva – sa esalta la capacità di integrazione sociale e di valorizzazione delle attitudini delle persona, oltre ogni limite.

Rappresentano un esempio per tutti i giovani a non mollare, a ricercare in se stessi le motivazioni e la forza per conseguire gli obiettivi desiderati, con sacrificio e passione: nello sport, come nella vita. La Regione rivolge il saluto a questi atleti, ambasciatori di un movimento sportivo che nelle Marche vanta tradizioni, vittorie, impegno per fare crescere talenti e formare le nuove generazioni.

Un ringraziamento particolare va all’Associazione sportiva e culturale Anthropos di Civitanova Marche, che dal 1989 è impegnata a promuovere e incentivare lo sport, ludico e agonistico, per le persone diversamente abili. Koutiki e Legnante sono i suoi atleti di punta e a Rio lo saranno per tutto il movimento sportivo nazionale

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 295 volte, 1 oggi)