GROTTAMMARE-“Un festival del Cinema “Sociale” dedicato alla famiglia e ai giovani, che racchiude in sé l’obiettivo di colmare il gap generazionale tra genitori e figli, ricostruendo un dialogo ormai da tempo interrotto”. Questo è il significato celato dietro al “Grottammare Family Film & Web Series Festival” che si pone l’obiettivo di costruire, attraverso il cinema emergente, un “ponte” intergenerazionale e sociale.

Il festival è strutturato come un Consorso Cinematografico “aperto a tutti i film-maker dilettanti o professionisti e soprattutto a tutte le scuole secondarie (primo e secondo grado) della Provincia di Ascoli Piceno, consiste nella produzione di un corto, una web series o di uno spot emozionale sul tema della famiglia appunto” fa sapere il Direttore Artistico Estella Maria Pia Vincenti.

Tre le giornate in cui si svilupperà il festival (30 settembre, 1 e 2 ottobre) che avrà diversi momenti di connessione fra i partecipanti con workshop, tavole rotonde, proiezioni e molto altro e potrà contare sull’intervento di giovani registi e attori italiani come: Carlo Tedeschi, Riccardo Sardonè con una delegazione del film “Ragazzi Perduti”, Edoardo Velo, Giorgio Borghetti e Andrea Montovoli con una delegazione del film “Infernet”.

Il festival , gemellato con il Festival del Cinema di Perugia e patrocinato dal Comune di Grottammare e dalla Provincia, avrà infine anche un’appendice dedicata alla delicata tematica della violenza sulle donne. A quest’ultima sarà infatti dedicato uno spazio particolare “con l’obiettivo di sensibilizzare e generare solidarietà e motivazione in coloro che, nel semplice quotidiano, si mettono a disposizione dell’altro offrendo ascolto, calore, cordialità,affetto, sostegno, riparo e difesa” spiega ancora Estella Maria Pia Vincenti.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 400 volte, 1 oggi)