TERAMO – Intensificati i controlli dei carabinieri sia nei centri abitanti della costa Teramana sia nelle aree montane al fine di prevenire i reati predatori e limitare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito di tali attività, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Teramo, nel corso di un programmato servizio contro la cessione di stupefacenti eseguito nei comuni di Giulianova, Tortoreto e Mosciano Sant’Angelo hanno tratto in arresto una Rom, 55enne, per spaccio e denunciato in stato di libertà il figlio ritenuto responsabile collaborare la madre per le stesse illecite attività.

A destare sospetto ai carabinieri il via vai di giovani, già noti quali consumatori, che si recavano presso quella casa alla periferia di Mosciano. Tale movimento ha indotto i militari a predisporre un accurato controllo della zona e ad eseguire alcune perquisizioni e sequestrare una modica quantità di stupefacente “cocaina” per uso personale.

Immediato l’accertamento che ha portato ad ispezionare, anche con l’ausilio di unità cinofile antidroga dei Carabinieri, l’appartamento oggetto di osservazione da parte dei militari. In un’intercapedine del camino, ben occultato, è stato reperito un involucro di cellophane contenente cocaina ed un bilancino di precisione.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri, specialmente in questo periodo, ha rafforzato anche le misure preventive di vigilanza in tutto il territorio costiero nell’ottica di aumentare la sicurezza percepita dalla popolazione ed assicurare il tranquillo svolgimento del ferragosto.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.010 volte, 1 oggi)