GROTTAMMARE – Nell’attesa di ospitare sul palco di Cabaret amoremio Francesco Guccini (5 agosto) e Diego Abatantuono (6 agosto), l’organizzazione del Festival nazionale dell’umorismo ufficializza le motivazioni che accompagneranno la consegna del Premio alla carriera ai due noti artisti italiani.

Al cantautore bolognese, di cui verranno resi noti nel corso della manifestazione i tempi giovanili  trascorsi nei cabaret di Bologna, l’Arancia d’oro è assegnata “Per il valore culturale, l’esemplarità, la coerenza nella sperimentazione e l’influenza della ricerca artistica, resa unica e riconoscibile anche dall’adozione dello stile comico-realistico nelle sue opere, evidente soprattutto nella compresenza e nella mescolanza dei livelli, del linguaggio aulico e di quello popolare, del tono sublime e di quello umile, della riflessione filosofica e del racconto di vita quotidiana, rovesciando l’alto attraverso il basso, restando proprio per questo, sempre, l’autore di una Commedia libera, indipendente e di opposizione: all’ordine costituito, al Potere, alla società ammalata e agli ideali di vita dominanti”.

All’attore e ricercatore di nuovi talenti, Diego Abantuono, il premio alla carriera è stato attribuito “Per aver percorso tutte le strade delle arti visive, dal Cabaret al teatro, dalla televisione al cinema i con la maestria che appartiene solo ai grandi talenti. Dal Derby all’Oscar e ritorno. Non è una vacanza ma un viaggio che ha visto Diego nascere nel e col Cabaret e poi crescere fino all’Oscar del film Mediterraneo. Dal personaggio del “terrunciello” che gli ha regalato la notorietà e che si è poi imposto come una “maschera” classica, di quelle che restano, al pari di quelle inventate da grandi come Totò o Alberto Sordi, a grandi soggetti impegnativi che spaziano dalla commedia al dramma, diretto dai migliori registi italiani. E poi il ritorno alla commedia e al Cabaret, come produttore e talent scout che generosamente offre un’opportunità a tanti giovani in cerca di un’affermazione.

Eccezziunale veramente non è solo un’esclamazione, è lui, Diego, che trasforma in successo tutto quello che tocca”.

Il Premio Arancia d’oro è parte di Cabaret, amoremio! dal 1988. Rappresenta il riconoscimento che il Festival dell’umorismo più antico d’Italia attribuisce agli artisti di lunga carriera che si sono distinti nel variegato mondo della comicità.

L’omaggio è costituito da un’opera di fattura artigianale, rappresentato da un’arancia, simbolo della città di Grottammare, montata su una composizione di pietre dure.

La consegna avviene nel corso della manifestazione, accompagnata dalla lettura della motivazione da parte del primo cittadino. Albo d’oro in allegato.

Gli altri personaggi ospiti della 32ma edizione del Festival diretto da Enzo Iacchetti sono: Marta & Gianluca, Alberto Patrucco, Simona Samarelli, Davide Aiello, Alex De Santis, Emiliano Petruzzi (vincitore 2013), Massimo Valtz Brenta (vincitore 2015), oltre a Laura Freddi co-conduttrice del Festival al fianco di Iacchetti e ai sei finalisti del concorso per nuovi comici.

www.cabaretamoremio.itCabaret Amore Mio (pagina Facebook)

N.B. In caso di maltempo, la manifestazione si terrà al Palacongressi di San Benedetto del Tronto.

La decisione verrà comunicata in tempo utile con tutti gli strumenti informativi a disposizione del Comune. Per ulteriori informazioni in tal senso, è già pubblicata una nota informativa alla pagina Cabaret Amore Mio di Facebook.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 273 volte, 1 oggi)