ANCONA – La Giunta regionale ha autorizzato l’assegnazione di 629 posti letto in più: 400 posti letto di residenza protetta anziani e 229 derivanti dalla riconversione di precedenti assegnazioni alle casi di riposo come “assistenza domiciliare integrata”. La decisione assunta oggi, attesa sin dal 2014, si basa su criteri più aderenti al fabbisogno territoriale e verrà perfezionata a partire dal mese di settembre, con convenzionamento a decorrere dal primo agosto.

La delibera prevede che per i 400 posti letto di residenza protetta sia convenzionato almeno il 60 per cento di quelli autorizzati e operativi in ogni struttura. Per effetto della delibera, salgono complessivamente a oltre 4.070 i posti letto di Residenza protetta per anziani nella Regione Marche che hanno una copertura sanitaria pubblica, con una percentuale complessiva che supera l’81%.

“Questa scelta si basa sulla volontà di garantire una quota minima di finanziamento pubblico a ogni residenza operativa sul territorio regionale – spiega il presidente Luca Ceriscioli – e anche i successivi accreditamenti seguiranno questo criterio di riequilibrio territoriale, al fine di garantire pari opportunità di assistenza ai cittadini marchigiani”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 170 volte, 1 oggi)