CHIETI – Operazione delle Forze dell’Ordine. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Chieti e la Sezione PG della Polizia di Stato presso la Procura di Chieti venivano a conoscenza attraverso autonome attività info investigative, che un uomo domiciliato in Francavilla al Mare di etnia albanese operava lo spaccio di ingenti quantitativi di cocaina e marijuana nei confronti di “pushers” dimoranti nei comuni di Pescara e Teramo.

Le informazioni acquisite dalle due forze di polizia erano le medesime e quindi si decideva di unire gli sforzi nelle investigazioni al fine di appurare che le informazioni acquisite fossero veritiere attivando quindi un’intensa attività di pedinamento nei confronti dell’uomo iil quale utilizzava due scooter di grossa cilindrata per gli spostamenti.

I numerosi pedinamenti effettuati nei suoi confronti, permettevano di constatare che l’albanese ogni qual volta fosse intenzionato ad effettuare una cessione di droga, entrava all’interno di un boschetto sito nel comune di Silvi Marina per rimanevi alcuni minuti. Non passava nemmeno inosservato agli operanti che l’uomo, prima di recarsi nel bosco, effettuava una serie di manovre tese verosimilmente ad individuare eventuali forze di polizia che lo attenzionassero. Infatti, ogni volta che l’albanese si recava in direzione della boscaglia procedeva dapprima a forte velocità ed arrivato nei pressi rallentava vistosamente ed effettuava una serie di inversioni ed accelerazioni improvvise e, solo successivamente, entrava all’interno della selva.

Il 27 luglio, nel corso di uno dei pedinamenti, gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria e quelli della Polizia, notavano che l’uomo si recava ancora una volta all’interno della boscaglia ed una volta uscitone, si dirigeva a forte velocità in direzione di Silvi paese guardandosi costantemente attorno.

Ad un certo punto gli operanti notavano che l’albanese si fermava in una piazzola di sosta della strada provinciale e si nascondeva all’interno di un canneto limitrofo alla carreggiata evidentemente in attesa di qualcuno. Gli appartenenti alle forze dell’ordine che lo pedinavano, decidevano quindi di controllare l’albanese sicuri che lo stesso in tale circostanza fosse in procinto di cedere dello stupefacente ad uno dei suoi “clienti”.

Il controllo permetteva di rinvenire una busta trasparente contenente un etto circa di marijuana e l’uomo dichiarava agli operanti di essere in possesso del solo stupefacente rinvenuto e nient’altro. La Guardia di Finanza e Polizia decidevano quindi di recarsi, unitamente all’albanese, all’interno del boschetto dove gli stessi ritenevano potesse essere nascosta ulteriore droga.

Grande è stata la sorpresa dello spacciatore. quando si è reso conto che gli operanti erano a conoscenza del suo nascondiglio. Dopo un accurato controllo di tutte le zone della selva frequentate dall’albanese, gli investigatori riuscivano a rinvenire (ben celati in buchi opportunamente effettuati nel terreno) ulteriori 250 grammi di marjuana, due pezzi di cocaina del peso complessivo di circa 350 grammi e tutto l’occorrente per il confezionamento ed una bilancia elettronica di precisione.

Il valore dello stupefacente sequestrato, una volta immesso sul mercato, avrebbe fruttato oltre 30 mila euro. L’albanese quindi veniva tratto in arresto per aver violato la Legge sugli stupefacenti e condotto presso il carcere di Teramo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Ora le indagini sono incentrate ad individuare il “canale di approvvigionamento” della sostanza stupefacente.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 237 volte, 1 oggi)