GROTTAMMARE – Si è conclusa, domenica 24 luglio, la quarta edizione del Festival Anime Buskers, un evento che quest’anno è stato ancor più denso di significato. In un’Europa che a volte pare sgretolarsi sotto i colpi della Brexit, dei nuovi muri innalzati e per la diffusione del terrore, gli organizzatori del festival (Paolo Piunti, Camilla Egidi, Margherita Casilio, Cristina Finicelli), la Città di Grottammare e le diverse migliaia di persone – che ogni sera hanno partecipato al festival –  hanno ravvivato le piazzette e gli angoli dell’antico borgo, con spettacoli e sonorità internazionali.  Per tre sere la ventata europea, quella che soprattutto adesso pare sia condannata a tornare ideale, ha soffiato per davvero e si è incanalata tra le viuzze del Paese Alto, regalando a tutti in clima di contagiosa energia.  Londinesi, spagnoli, francesi, americani, russi e ovviamente italiani, tutti a Grottammare: l’Europa in una città.

Ciò a dimostrazione che, investendo sulla cultura e sull’arte, i muri si abbattono, le distanze si accorciano, e l’incontro, quello vero, diventa possibile. Questo concetto è stato ribadito sia dal Sindaco di Grottammare, Enrico Piergallini, sia dall’assessore Lorenzo Rossi e da Paolo Piunti – presidente dell’Associazione Anime Buskers –  durante la jem session finale di domenica. L’incontro fra culture diverse, fra modernità e tradizione sono elementi caratterizzanti del Festival, che per questo è stato scelto dai responsabili del progetto Wai (Walls and Integration) per esporre alcune delle fotografie di Gates No Frontiers, in cui emerge il racconto del processo dell’integrazione europea, della sua complessità, delle sue contraddizioni e dei suoi ritardi.

Il festival come sempre, è stato accolto con entusiasmo dalle persone di ogni età, dai bambini ai più anziani, grazie alla grande varietà di stili di musica e degli spettacoli teatrali e poeti itineranti Ma non finisce qua.

Gli appuntamenti con le Anime Buskers da lunedì 25 luglio diventato “on the beach”, a partire dal Kontiki di San Benedetto.

Nella giornata di martedì, invece, i buskers saranno in centro a Grottammare, e dalle 19,  si alterneranno nei locali Cin Cin Bar, Bistrot Kursaal Osteria Infinito e Osterix. Il 27 luglio invece, sempre alle 19, saranno al Noa, mentre dalle 18 alle 20 al Conad di Piazza Enzo Tortora a San Benedetto.

L’associazione Anime Buskers ringrazia tutti i partecipanti al Festival e tutti coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione, tra sponsor e i volontari.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 403 volte, 1 oggi)