ANCONA – Al via il progetto regionale dei Campi scuola di educazione terapeutica per minori con diabete organizzati dall’Azienda ospedaliero universitaria Ospedali Riuniti in collaborazione con il Centro regionale di diabetologia pediatrica e l’Associazione delle famiglie con infanti e adolescenti diabetici.

Lo ha stabilito la Giunta regionale che ha approvato l’atto e previsto un finanziamento di 20 mila euro per l’annualità 2016. “Di fronte ad un problematica grave come il diabete – rileva il presidente della Regione, Luca Ceriscioli – che purtroppo colpisce sempre più le fasce giovanili con un incremento dell’incidenza del 3,6 per cento per anno tra bambini piccoli, di età scolare e adolescenti, è necessario affiancare alle misure tradizionali di terapia medica un’apposita terapia educativa rivolta ai pazienti più giovani”. Lo strumento migliore è quindi la creazione del gruppo che promuovendo esperienze comuni è un potente strumento educativo per la gestione della malattia dei pazienti e di aiuto per le loro famiglie predisponendo ad un approccio attivo nel modificare comportamenti e favorendo l’integrazione sociale.

I Campi scuola, riconosciuti dalle principali istituzioni diabetologiche internazionali quale strumento utile nel processo educativo del giovane diabetico, favoriscono l’autogestione del diabete in ambiente protetto, stimolano l’indipendenza nella gestione del diabete, favoriscono il confronto e la condivisione con i coetanei, sviluppano il processo di autostima e controllo emotivo e consolidano il rapporto con il team pediatrico di diabetologia. Le Marche sono state tra le prime regioni italiane ad avviare i Campi scuola organizzati, nel rispetto delle linee guida internazionali, dal Centro regionale di diabetologia pediatrica in collaborazione con l’Afaid.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 68 volte, 1 oggi)