SAN BENEDETTO DEL TRONTO- La Samb è al lavoro da ieri pomeriggio in quel di Cascia e alloggia al Grand Hotel Elite, lussuosa struttura a 4 stelle di proprietà dei Fedeli e dotata di piscina, centro wellness e attrezzature sportive tra le altre cose. Un vero e proprio luogo da pace dei sensi per il turista. I 27 ragazzi agli ordini di Palladini però avranno davvero poco tempo per rilassarsi visto che il lavoro di preparazione è già iniziato e forte; da ieri infatti i rossoblu, con tutti gli effettivi disponibili, hanno già effettuato due sedute.

“Due sedute pesanti, ma si sa il lavoro di preparazione estiva è sempre duro e siamo qui per questo , per fare il nostro dovere”, sceneggiatura e parole di Alessandro Radi, classe ’82, da meno di una settimana un calciatore rossoblu ma già catapultato appieno nella realtà della Samb, assieme a tanti compagni nuovi. Non tutti però: “Conoscevo già Marco Pezzotti, siamo stati compagni di squadra a Rieti e anche Sabatino e Fioretti sono stati avversari di valore che ho incontrato più volte durante la mia carriera”. Già la carriera, oltre 250 presenza in terza serie per il difensore che dall’alto della sua esperienza avvisa la Samb: “Sarà un campionato difficile, pieno di squadre attrezzate e siamo qui proprio per affrontarle al meglio”.

I gironi però non sono ancora stati composti e c’è la possibilità che il raggruppamento in cui sarà inserita la Samb sia diverso rispetto al girone B dell’edizione 2015-16, per Radi però sembra non fare differenza: “Anche se dovessimo incontrare squadre come Venezia o Parma non farebbe differenza, dobbiamo guardare solo in casa nostra e crescere come gruppo e in questo senso, dal punto di vista umano ho ricevuto solo note positive dai nuovi compagni”.

Chiusura poi sulla sua ultima esperienza ad Ancona e il passaggio a San Benedetto: “All’inizio c’erano le basi per un nuovo accordo ad Ancona ma il caos societario ha complicato tutto, con la chiamata della Samb poi non ho avuto più dubbi, ci siamo subito trovati”. Già San Benedetto e il suo grande e famigerato calore verso i colori rossoblu, conosciuto anche in casa Radi evidentemente: “La piazza, come tutte quelle che hanno conosciuto il calcio di alto livello, è esigente e calorosa, starà a noi con i risultati far emergere di più il lato caldo e meno quello critico”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 906 volte, 1 oggi)