ANCONA – In Italia per la prima volta, il gruppo cinese GA Group ha scelto le Marche per una visita istituzionale e avviare un percorso di relazioni economiche. La delegazione cinese è stata ricevuta in Regione nella mattina del 15 luglio dal Segretario Generale, Fabrizio Costa, da Pietro Talarico per il Turismo e Commercio e da Roberta Tarini per l’Internazionalizzazione, per un incontro che dà seguito alla missione in Cina, a Qingdao, del presidente della Regione Ceriscioli nell’aprile scorso.

Missione che comincia già a dare i suoi frutti dal momento che il gruppo cinese aveva finora focalizzato l’attenzione negli Stati Uniti e in Nord Europa. Gli investimenti all’estero sono uno dei rami più importanti di cui si occupa GA Group che ha come core business la produzione e commercializzazione di macchinette Pos. Il suo capitale registrato è di 110 Milioni di RMB. Gestendo gran parte del mercato asiatico, negli ultimi anni il gruppo ha aperto rami d’azienda che si occupano di diverse attività in vari settori vantando, ad oggi, più di 20 aziende controllate.

Nel corso dell’incontro la delegazione cinese ha espresso interesse per infrastrutture logistiche, per la commercializzazione di olio e vino, per le banche con esperienze internazionali, per immobili e strutture recettive, hotel, spa e tutto quanto concernente il turismo, per brand di moda e supermercati. A nome della Regione, il Segretario Generale Costa ha espresso soddisfazione per la visita che rafforza un percorso avviato e che ha registrato importanti risultati con un paese come la Cina dal mercato strategico e in crescita. Le Marche si sono ormai accreditate come interlocutore autorevole verso la Cina, risultati dimostrati dalla qualità degli accordi siglati nel corso degli anni e dalle progettualità avviate e rese sempre più concrete come conferma la visita odierna.

Nei giorni scorsi la Regione ha ricevuto la visita di un’altra delegazione cinese formata da rappresentanti istituzionali e associazioni di categorie economiche provenienti dalla città di Guijiang, capitale della Provincia di Guizhou, che hanno espresso interesse per il settore della meccanica e tecnica agraria, per l’acquisizione di strutture ricettive, aziende manifatturiere e infrastrutture logistiche.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 122 volte, 1 oggi)