SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Come anticipato al telefono alla nostra redazione non oltre due giorni fa, Franco Fedeli nel week-end sarà in Riviera. E l’occasione probabilmente sarà buona per porre le firme sui contratti dei calciatori con cui la Samb ha già trovato un accordo di massima.

Sabato e domenica potrebbero quindi essere ufficializzati dalla società diversi nomi. Forse non tutti perché con Fedeli di mezzo, sempre attento e vigile sulle questioni economiche, quasi un “mastino” verrebbe da dire, non si sa mai; ma in linea di massima dovrebbero essere siglati i vari accordi con Frison, Crescenzo, Tavanti e Lulli che già hanno svolto le visite mediche col club rossoblu più di una settimana fa presso il Works Center di Porto San Giorgio. Ma anche altri calciatori sono attesi a colloquio col numero uno della Samb come Fioretti, con l’incontro confermato a Riviera Oggi dal patron romano, Luca Berardocco e Moro Alhassan. 

E per qualcuno che arriva c’è anche chi parte e saluta definitivamente San Benedetto. Marco Raparo ad esempio si sta accasando alla Vis Pesaro mentre Mario Titone, il cui addio non è certo notizia recente, è stato ufficializzato dal Piacenza sul suo sito ufficiale con una nota nella tarda serata del 5 luglio. Per l’ala siciliana un contratto biennale con i biancorossi allenati da Arnaldo Franzini.

Tanti gli addii tra i rossoblu quindi, che stanno adottando una strategia rivoluzionaria pressoché totale per quanto riguarda l’area tecnica, visto che alla fine i sopravvissuti della “cavalcata” in Lega Pro saranno probabilmente i soli Sabatino, Pezzotti, Sorrentino e Conson, escludendo dal computo il baby Candellori fresco di rinnovo e la situazione di Fabio Pegorin, che ha sostenuto le visite, ma sulla cui permanenza non c’è ancora certezza, specialmente se il ragazzo, con Frison davanti, dovesse decidere di andare altrove per trovare minutaggio.

Novità infine su Alessio Di Massimo con la Gazzetta dello Sport che nella sua versione online riporta del mancato riscatto del 21enne teramano da parte della Juventus, che ha deciso di non versare alla fine i 300mila euro concordati a gennaio con il Sant’Omero, società proprietaria del cartellino dell’attaccante. La rosea poi spinge l’ex Avezzano verso Pescara, ma resta da vedere se i delfini decideranno, anche in caso di perfezionamento dell’acquisto, di puntare in Serie A su un giovane che ha faticato a trovare spazio con la primavera bianconera di Fabio Grosso nella seconda parte dell’ultima stagione. Chissà quindi se l’interesse della Samb si fermerà o se, semplicemente, cambieranno gli interlocutori, passando da Paratici e Marotta a Sebastiani e Pavone.

 

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 731 volte, 1 oggi)