SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Colpa di una maglietta. L’episodio spiacevole è avvenuto nella serata del 5 luglio nella pinetina di fronte al Campo Merlini, nei pressi del lungomare di San Benedetto. Un giovane di circa trenta anni si stava allenando nel “percorso vita” della pinetina, e aveva indosso una maglietta del Pescara Calcio. Tanto è bastato per scatenare la violenza di un suo coetaneo, il quale gli si è rivolto in malo modo e poi lo ha aggredito fisicamente, colpendolo al volto con alcuni pugni. Il tutto è avvenuto attorno alle 20,20.

Fortunatamente in zona si trovavano altre persone, anche loro nella pinetina per il classico allenamento serale. L’intervento di alcuni di loro ha consentito di evitare il peggio.

L’aggressore si è presto dileguato. Il giovane colpito, visibilmente scosso e ferito, ha fatto ritorno nella sua casa, nelle vicinanze del Campo Europa. Infatti il ragazzo vive a San Benedetto, ma avendo il padre di origine pescarese, ha indossato la maglia biancoceleste.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.365 volte, 1 oggi)