MARTINSICURO – Riceviamo e pubblichiamo una nota del consigliere di minoranza, Massimo Vagnoni, relativa all’approvazione in consiglio comunale del bilancio (consuntivo 2015 e preventivo 2016)

“Ennesimo bilancio figlio dell’approssimazione e dell’assenza, in ogni settore, di una strategia politica di sviluppo che guardi al futuro della nostra città.

L’approvazione del bilancio consuntivo 2015, del preventivo 2016 e del relativo Documento Unico di programmazione (DUP), dovrebbe essere l’occasione per un’ampia discussione e condivisione su tematiche strategiche quali lo sviluppo turistico, urbanistico, le tematiche ambientali ecc.

Dovrebbe essere uno strumento che, attraverso l’analisi dei risultati degli anni precedenti,  indirizzi l’azione amministrativa verso nuovi obiettivi che migliorino l’efficacia e l’efficienza dei servizi pubblici della nostra città .
Viceversa, in un Consiglio comunale sempre più deserto, si è assistita alla solita autodifesa del proprio operato da parte di una maggioranza incapace di mettersi in discussione pur di fronte al fallimento della propria politica fatta solo di annunci, di giustificazioni, di scuse varie  e tesa ormai solo a difendere la propria immagine in attesa del fine mandato.
Nessun accenno:
a) a quali azioni nel campo culturale, sportivo, turistico si metteranno in campo.
b) a come mettere in rete le diverse realtà associative
c) a come affrontare il sempre più delicato tema della convivenza delle nostre realtà imprenditoriali con il tessuto cittadino circostante sempre più preoccupato della qualità ambientale del territorio.
d) ad una strategia strutturale per coinvolgere i privati in iniziative pubbliche .
Nessuna idea su come coordinare i vari portatori di interessi privati nei diversi settori (pesca, turismo, imprenditoria) affinchè si possa approfittare al meglio delle imminenti opportunità offerte dal nuovo Master Plan della Regione Abruzzo e dall’inserimento della val Vibrata all’interno dell’area di crisi complessa.
I numeri del bilancio di previsione 2016 e del consuntivo 2015 mettono in evidenza tutte le criticità di un modo di amministrare che fa perno solo sulle entrate derivanti da tasse ai cittadini e da sanzioni varie.
Senza una politica di prospettiva che sappia attirare finanziamenti pubblici e privati, il nostro Comune è destinato ad aumentare il proprio gap con le altre realtà territoriali che, pur non avendo le nostre potenzialità, riescono ad intercettare meglio finanziamenti pubblici e privati.

Continuare ad amministrare pensando solo a come spendere le poche risorse a disposizione, senza un progetto complessivo, rischia di isolarci sempre di più.
Oggi, dopo aver perso gran parte delle opportunità offerte dalla programmazione dei fondi Fas 2007 – 2013, oltre ad aver mandato indietro i finanziamenti della Fondazione Tercas per l’ex Cinema Ambra e per il Museo Carlo V, rischiamo di stare fuori anche dalla nuova programmazione.

Se è inutile recriminare su ciò che è successo, sarebbe imperdonabile non rendersi conto che si può e si deve fare di più e meglio e cambiare passo.

Urge quindi mettere in campo idee nuove per non perdere le ultime occasioni per far crescere la nostra città .
Nei prossimi giorni presenteremo le nostre proposte sulle priorità da sottoporre alla Regione Abruzzo che cercheremo di sostenere in ogni tavolo tecnico e politico.

La speranza è che, almeno in questo ultimo anno di consiliatura, l’amministrazione si apra al confronto e comprenda che certe azioni politiche, affinché producano concreti risultati per la collettività, vadano portate avanti in sinergia con tutte le forze politiche presenti in consiglio in modo da rendere più incisive le istanze presentate.”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 146 volte, 1 oggi)