SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’argomento è di attualità e lo diventerà ancor più d’estate quando gli animali, i cani in particolare, verranno abbandonati ai cigli delle strade. Per questo motivo siamo andati a sentire la presidente dell’associazioni che da 10 anni si prodiga per la tutela degli animali. Il nome “Amico Fedele” è più che indicativo per la ‘missione’ degli associati, la sua presidente è Alice Agnelli.
Signora Agnelli, detto che anche il suo cognome è ‘indicativo’ per il compito che svolge, può spiegare come si svolge il vostro lavoro
“Innanzitutto ci impegniamo molto per sensibilizzare tutto il nostro territorio affinché il randagismo scompaia totalmente. Se ci fate caso oggi è nettamente inferiore a qualche anno fa”
Sono divenuti inutili anche i cosiddetti ‘acchiappacani’ che giravano per le strade per catturare cani abbandonati per poi ammazzarli…
“Dal 1991 non esistono più, adesso siamo noi a custodirli e i risultati si vedono. Dai canili ove svolgiamo volontariato ora sono più le uscite che le entrate, un bel segnale per la nostra attività. Ci piacerebbe azzerare le presenze ma credo che sarà impossibile”
Perché?
“A molti piacciono i cani e li acquistano per conviverci. I problemi nascono quando c’è una malattia e sono pochi coloro che li portano dal veterinario per curarli, preferiscono lasciarli affinché l’impegno venga preso da Associazioni come la nostra.
Immagino che mantenere una struttura come la vostra comporti un impegno economico non indifferente…
“Credo di sì ma la gestione non è nostra bensì di una società diversa noi svogliamo semplicemente attività di volontariato. Comunque  la passata amministrazione Gaspari ci è stata vicino. Avevamo un ottimo rapporto. Ci hanno assegnato l’organizzazione del Festival Vegano. Un anno fa lo abbiamo organizzato in partner con la Toscana, quest’anno è stato tutto locale. Gli associati sono tutti volontari che sono indispensabili per la vita della nostra struttura. Ricordo che ‘Amico fedele’ è una onlus che ha bisogno di fondi per andare avanti”
C’è chiaramente un accostamento tra la vostra associazione e il mangiare vegano
“Fa parte di uno stile di vita ed è riconosciuto dalla medicina, il professor Veronesi lo dice spesso. Per esempio la differenza tra noi e il cibo macrobiotica è che loro prevedono pesce e carne, noi no, Ma non siamo vegetariani. La nostra alimentazione è varia e scientifica.”

Grazie e buon lavoro

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 665 volte, 1 oggi)