SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel pomeriggio di venerdì, personale della Polizia Municipale e della Capitaneria di Porto in abiti borghesi, col supporto di una pattuglia della Polizia di Stato dalla strada, ha svolto un servizio di contrasto al commercio abusivo in spiaggia.

Sul lungomare di Porto d’Ascoli gli agenti hanno prima sequestrato tre grandi sacchi di plastica pieni di borse da donna, per l’esattezza 54, di noti marchi di moda, verosimilmente abbandonati in fretta e furia da abusivi. Il materiale è stato ovviamente sequestrato.

Quindi si sono spostati sull’arenile, all’altezza della foce del torrente “Ragnola”, dove si erano installati diversi venditori abusivi: anche in questo caso, tutti si sono allontanati rapidamente alla vista dell’arrivo dei controlli.

Si è trattato di un servizio organizzato nell’ambito dell’attività di contrasto al commercio abusivo per il periodo estivo concordata in sede di Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che viene poi attuata con specifiche ordinanze del Questore di Ascoli Piceno.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 356 volte, 4 oggi)