SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tagli, tagli, risparmi. A farci le spese, ovviamente, i cittadini e, in questo caso, bambini e famiglie. Dall’anno scolastico 2016-17 infatti gli asili nido di San Benedetto non garantiranno più il servizio pomeridiano, e dunque i bambini potranno restare all’asilo fino alle 14.30 e non fino alle 16.45.
Un problema per quei genitori che sono impegnati entrambi al lavoro e magari non hanno un nonno o un parente al quale lasciare il bambino nelle due ore “tagliate”. La decisione è stata comunicata dal Comune di San Benedetto ai rappresentanti dei genitori il 17 maggio: “Una informativa assolutamente imprevista e senza possibilità di replica” scrive una mamma a RivieraOggi.it.
Da qui è partita una raccolta firme dei genitori dell’asilo nido la Mongolfiera, “perché la decisione è stata presa a priori senza avere il numero esatto di iscritti. Il dirigente dei Servizi Finanziari Rosati ha risposto che i bambini che effettuano orario prolungato sono soltanto 3, mentre in realtà sono 8 su 31. E ad oggi abbiamo già 4 iscritti per il prolungato. Sono molto arrabbiata per la situazione e dovrò decidere alla fine di mandare mia figlia ad un asilo privato”.

Nella lettera inviata al Comune, i genitori hanno scritto che “le decisioni sono immotivate sul piano economico, data la grande sproporzione tra il risparmio che se ne può ricavare e il disagio che si crea e in stridente contrasto con i principi tanto ostentati di continuità e partecipazione alla base del servizio che il Comune offre”.

Riteniamo che l’amministrazione non possa che perdere ogni credibilità poiché se da un lato ha posto il principio di “continuità” quale base della programmazione del proprio servizio, dall’altro, sembrerebbe aver disatteso in fase di attuazione, fondamentali scelte pedagogiche non tutelando i nostri piccoli (6 mesi – 3 anni) i quali non potendo esprimere il loro disagio, perché sono la catena debole dell’utenza avranno gravissimi problemi per le motivazioni che di seguito si esprimono:

  1. i piccoli saranno  costretti a diventare pendolari, dal momento che il percorso per arrivare a Porto D’Ascoli è irrilevante sul piano della distanza espressa in chilometri, ma pesantissimo se espresso in termini di tempo, di traffico e di stress.
  2. Si cancellerà di fatto tutta la rete relazionale costruita nel tempo dai piccoli e dai genitori, a volte con molta fatica”.

“Non si capisce – si legge nella lettera – come tali decisioni siano state prese prima ancora di esperire le pratiche relative alle nuove iscrizioni per l’anno 2016/2017. Inevitabilmente ci si chiede perché mai si è già deciso di tagliare un così basilare servizio al cittadino con una decisione unilaterale del Comune che è arrivata all’improvviso senza nessuna avvisaglia, proprio a fine anno, quando il tempo residuo per agire è poco”.

“I genitori, nel riaffermare in maniera decisa, forte e fattivamente impegnata la propria contrarietà a questa decisione chiedono all’Amministrazione comunale che, dopo attenta verifica della palese incongruenza tra i principi teorici sui quali imposta il proprio servizio e le decisioni  prese, corregga un piano di intervento che elude gli impegni assunti con gli utenti all’inizio del percorso educativo e viola i diritti sottesi alle scelte educative a cui il Comune dichiara di ispirarsi” si conclude la lettera.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 966 volte, 1 oggi)