MONTEPRANDONE – Due milioni di euro di investimenti nelle politiche sociali per Monteprandone: questo è l’accordo siglato tra l’amministrazione comunale di Monteprandone le organizzazioni sindacali provinciali di Cgil, Cisl e Uil e le rispettive federazioni dei pensionati. Lo stanziamento è pari a oltre 161 euro per abitante, tra i più alti della regione Marche.

Scrive la Cisl in una nota: “Si riconferma la sperimentazione in atto che prevede il superamento dell’assistenzialismo, alle persone e alle famiglie in difficoltà viene infatti proposto un “percorso di aiuto sociale”, che prevede un coinvolgimento attivo nella vita comunitaria, garantendo loro un reddito minimo a fronte di una disponibilità a svolgere attività di volontariato per servizi di pubblica utilità. Per le politiche abitative l’ Amministrazione interverrà a favore di chi subisce sfratti con interventi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dallo Stato e dalla Regione”.

“L’intesa inoltre affronta i temi dello sviluppo, definendo interventi in diversi ambiti, quali i rifiuti e l’ambiente, i trasporti, l’energia, il turismo e la cultura, l’agricoltura, l’edilizia, i giovani, con azioni che nel loro insieme e attraverso la loro integrazione, definiscono una “Politica di Sviluppo” per il rilancio del territorio di Monteprandone. In questa ottica assume rilevanza l’azione volta promuovere la “cultura della legalità” coinvolgendo le Associazioni e la Scuola e il sistema degli appalti. Di rilievo l’impegno ad aprire tavoli di confronto per sostenere i distretti produttivi, quali quelli del mobile da bagno e del florovivaismo. In merito alle politiche fiscali e tributarie si conferma l’applicazione delle aliquote Irpef progressive e la lotta all’evasione fiscale, in convenzione con l’Agenzia delle Entrate; si prevede inoltre una riduzione graduale delle tariffe della Tari correlata ai risultati raggiunti nella raccolta differenziata” conclude la Cisl.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)