PORTO SAN GIORGIO – Blitz antidroga. Nel pomeriggio del 18 maggio, nei pressi della stazione ferroviaria di Porto San Giorgio, i carabinieri di Sant’Elpidio a Mare e Porto Sant’Elpidio con il supporto dei militari di Fermo hanno attuato uno specifico servizio contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Tutto ciò disposto dal Tribunale di Fermo.

E’ stato bloccato e arrestato un 34enne di origine tunisine che si aggirava con sospetto tra l’ingresso della stazione e la fermata dei bus locali. L’uomo, senza fissa dimora e clandestino, era da poco sceso da un pullman proveniente dalla Campania. Ha attirato l’attenzione dei carabinieri ed è stato controllato. Nonostante il blando quantitativo di hashish rinvenuto sul momento è stata decisa una perlustrazione più efficace nella stazione dei carabinieri di Sant’Elpidio a Mare.

L’uomo appariva sempre più nervoso e sofferente. E’ stato deciso il trasporto in ospedale per esami diagnostici autorizzati dal Pubblico Ministero di turno. Gli esami hanno consentito di evidenziare la presenza di 3 grandi ovuli contenenti droga che l’uomo aveva inserito all’interno della sacca rettale, successivamente espulsi e recuperati. Gli ovuli contenevano circa 200 grammi di eroina purissima destinata allo spaccio solo dopo essere stata tagliata e confezionata in dosi.

Si stima un quantitativo di circa 600 grammi per un importo che si aggira ad 8 mila euro. L’uomo è stato portato nel carcere di Fermo per traffico di sostanze stupefacenti. Non sono esclusi ulteriori risvolti nei prossimi giorni.

Il capitano della Compagnia di Fermo Roland Peluso è soddisfatto del colpo messo a segno dai carabinieri e fa notare una flessione della vendita, presso le locali farmacie, di siringhe da insulina notoriamente utilizzate dai tossicodipendenti.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.258 volte, 1 oggi)